Seguici sui Social

Cronaca

Estorsioni sulle luminarie e minacce alla sindaca di Sant’Antonio Abate: due arresti

Operazione della Dda di Napoli

Pubblicato

il

estorsioni

Estorsioni sulle luminarie e minacce alla sindaca di Sant’Antonio Abate. Scattano due arresti in seguito all’operazione della Dda di Napoli. Su delega del Procuratore Distrettuale il Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e del Commissariato di P.S. di Castellammare di Stabia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari della custodia in carcere e degli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, rispettivamente a carico di due persone, ritenute gravemente indiziate, a vario titolo, dei delitti (in forma tentata) di estorsione e violenza privata, aggravati sotto il profilo della modalità mafiosa.
In particolare, gli episodi estorsivi sarebbero stati commessi, tra gennaio e aprile 2022, tra Sant’Antonio Abate e Santa Maria La Carità, rispettivamente ai danni di una ditta incaricata del montaggio e smontaggio delle luminarie natalizie e di una ditta di lavorazione di marmi e pietre. Uno degli indagati, inoltre, a febbraio 2022, avrebbe rivolto, per interposta persona, minacce e intimidazioni alla sindaca di Sant’Antonio Abate, Ilaria Abagnale, nel tentativo di costringerla a non interferire con le ingerenze della criminalità nelle procedure di assegnazione degli appalti pubblici.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com