Seguici sui Social

Politica

Gragnano avrà un teatro e un palazzetto dello sport. Finanziamento da 5 milioni

Esulta il sindaco D’Auria: “L’avevamo sognato e ci siamo riusciti”

Pubblicato

il

teatro

Gragnano avrà un teatro e un palazzetto dello sport nel giardino della bellezza. Il progetto sarà reso possibile grazie a un finanziamento da cinque milioni di euro. L’annuncio è del sindaco Nello D’Auria: “L’avevamo sognato e ci abbiamo lavorato. Sembrava impossibile e noi abbiamo continuato a lavorarci. Ci siamo aggiudicati un finanziamento di 5 milioni per la rigenerazione Urbana di Giardino della Bellezza in Via Vittorio Veneto”.

“Realizzeremo  – spiega il primo cittadino di Gragnano – un polo multifunzionale con teatro e auditorium, un’area ludico-ricreativa attrezzata, un’area sportiva, un palazzetto dello sport polifunzionale e annessi posti a parcheggio e la fermata del treno per la cittadella dello sport. Ottimizzare e migliorare il livello di vivibilità e integrare i servizi per la collettività è la nostra missione giornaliera.

Il nuovo Giardino della Bellezza, grazie anche alla sua posizione strategica in una delle principali arterie della città, dovrà soddisfare la richiesta della collettività anche in termini di disponibilità di stalli per il parcheggio; questo soprattutto in previsione dell’incremento di strutture e servizi che attrarranno un pubblico variegato e proveniente anche dalle non immediate vicinanze del parco stesso”.

Per quanto concerne la struttura teatro/auditorium, come per tutti i teatri lirici di tipo classico, ci saranno foyer, sala e palcoscenico. La capienza è di 740 posti e gli spettatori hanno a disposizione due ordini di posti: platea e galleria.

L’intervento di riqualificazione dell’area sportiva prevede la realizzazione di una nuova struttura geodetica in legno e l’installazione di tre campi da paddle in sostituzione dell’unico campo polifunzionale presente. Allo stesso modo anche il padiglione polisportivo polifunzionale esistente in tubolari d’acciaio verrà sostituito da una nuova costruzione geodetica realizzata con una struttura a lombrico in archi di legno lamellare. Infine, la fermata del treno rende la cittadella dello sport facilmente raggiungibile e punto di riferimento per una grossa platea di pubblico.

 


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Boom di turisti a Castellammare, il Comune crea aree di sosta per gli autobus

Pubblicato

il

teatro

Boom di turisti in città, il Comune crea aree di sosta per gli autobus. E’ questa l’ultima disposizione della commissione straordinaria, alle porte della primavera e con gli alberghi e altre strutture ricettive vicini al sold out. Da qui la necessità di prevedere degli stalli in periferia per non far transitare i bus turistici nel già congestionato centro cittadino di Castellammare.

Arriva così l’ordinanza firmata dal comandante Antonio Vecchione, che motiva il provvedimento facendo proprio riferimento “ai flussi turistici sempre più crescenti e non più concentrati in determinati periodi dell’anno ed a una indispensabile regolamentazione della sosta dei bus turistici in città connessa ai vigenti provvedimenti per la prevenzione e il contenimento dell’inquinamento atmosferico”. Da qui “la necessità di individuare e regolamentare un’area idonea alla sosta dei bus turistici”.

L’area è stata individuata nella periferia nord di Castellammare di Stabia, in via Alcide de Gasperi, tra lo stabilimento ex MeridBulloni e il centro Medi.

Continua a leggere

Cronaca

Il Comune nega agli ultras la festa di compleanno della Juve Stabia

Pubblicato

il

teatro

Dopo aver seguito il percorso burocratico previsto, oggi, a due giorni dall’evento in Villa Gabola per vivere insieme al quartiere un bene comune, in occasione del compleanno della Juve Stabia domenica 19 marzo, è stata negata l’autorizzazione da parte del Comune di Castellammare.
É protesta a Castellammare: “Tanti sono gli sforzi volontari che da settimane noi, Curva Sud UJS, Gli Amici della Filangieri e Stabiesi Post Fata, stiamo facendo per organizzare e diffondere un evento che ha l’obiettivo di aggregare in allegria e mettere la Villa Gabola a disposizione del quartiere e di tanti bambini per i quali erano pronte tante attività.

Le motivazioni dei dirigenti comunali che abbiamo dovuto ascoltare erano ragioni di ordine pubblico, per concomitanza con gara Juve Stabia-Latina e, udite udite, mancanza di personale per apertura/chiusura Villa. A poche ore dalla prima PEC inviata, alla quale il Comune ha reagito non segnalando criticità, questi due elementi, la gara e la disponibilità di personale, erano già noti a chi di dovere ed è inoltre una falsità che l’evento rappresenti un problema di ordine pubblico, dopo il grande successo e l’assenza di alcun tipo di criticità durante il primo evento di riapertura della Villa Gabola del 5 marzo. Il tutto, quando normalmente e tristemente la Villa Gabola è chiusa tutte le domeniche.

Intanto, esprimiamo pacificamente così il nostro dissenso e lo faremo anche domenica 19 marzo di mattina all’esterno della Villa Gabola, augurandoci ancora che il buon senso possa prevalere e che possa celebrarsi una giornata nata dagli stabiesi per gli stabiesi, senza interessi di alcun tipo se non quelli legati al vivere insieme un bene comune”.

Continua a leggere

Politica

Duro documento della Dc stabiese: “Basta con i soliti nomi che hanno distrutto Castellammare”

Pubblicato

il

teatro

Riceviamo e pubblichiamo una lettera dal segretario cittadino della Dc stabiese.

Ed eccoci qui a leccarci le ferite, a fare polemiche su tutto, a guardare chi da lontano costruisce su Stabia, a criticare tutto quello che Voi politicanti stabiesi siete stati capaci a distruggere.

E già, si pensa alla corsa alla poltrona, i soliti nomi, i soliti partiti, le solite liste civiche con dietro il “burattinaio” di turno. Ma non vi vergognate, con quale coraggio, stato d’animo, vi presentate?

Avete distrutto Stabia, l’avete strappata dalle mani dei suoi cittadini, l’avete consegnata nelle mani della malavita, una società di pseudo-politici egoisti, finalizzata a distruggere ma non a costruire, un esercito di neofiti, dilettanti, acchiappatori di voti, incapaci di guardare oltre il più veto personalismo.

Leggo: “Fermiamo lo scippo alla città” ….!!! ”occorre una riflessione”…….!!! “città sospesa”…..!!!, soliti personaggi che hanno governato per decenni ora si accorgano che bisogna salvare la città. E quando avete governato voi? Che avete fatto? Avete distrutto tutto come Attila, povera Castellammare, poveri stabiesi.
Una città gioiello l’avete smembrata con l’ingovernabilità fatta di compromessi, per tenere calda la “poltroncina”.
Ora si guarda ai viciniori, persone che lavorano per la propria Comunità, che invidia tutto questo mi fa…ma è da plauso, lavorano bene, vedi S. Maria la Carità, Lettere, Sant’Antonio Abate, Gragnano.

Un rigo a parte lo voglio scrivere per il Sindaco di Pompei e per la sua Giunta, per il lavoro che stanno facendo per la propria Comunità, ed ora un progetto immenso: “Porto di Pompei” di Marina di Stabia, “Fiera del Lavoro”, aziende che incontrano i giovani in cerca di figure professionali per il settore turistico alberghiero, uno dei tanti progetti, un Politico che costruisce. (è forse questo… occasioni perse?).

E voi? Una lunga spirale di chiacchiere. Voi pensate alle prossime amministrative, ai voti che liste occasionali, allestite con improvvisazione, vi riporteranno su quella sedia, guarite dalla vostra malattia che si chiama “disonestà”. Fate spazio ai giovani.
Appello agli Stabiesi, mettete da parte gli individualismi, archiviate coloro che cambiano casacca, basta con i soliti nomi, mandateli a casa.
CAMBIATE OGGI E NON DOMANI DATE UN FUTURO AI VOSTRI FIGLI.

Salvatore Coda

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.