Seguici sui Social

Cronaca

Ora rubano anche gli striscioni, la denuncia di un commerciante

Pubblicato

il

Rubano

Rubano perfino uno striscione. Nella serata di martedì, due giovani a bordo di una bicicletta elettrica grigia, sono entrati in azione in via Rispoli. Tutto ripreso dalle telecamere di sorveglianza del locale. Poco dopo le 23 e 30 si vedono i due giungere in via Rispoli da piazza Spartaco. Giunti nei pressi della macelleria hanno girato il veicolo e posizionato in direzione piazza Spartaco. Le telecamere riprendono tutto. I due, che ci hanno messo circa mezz’ora per tagliare le fascette che fissavano lo striscione all’impalcatura, dopo aver atteso che le mcchine transitassero sono saliti sull’impalcatura posta per la ristrutturazione di un palazzo della centralissima via stabiese. Dopo circa 30 minuti sono scesi con lo striscione in mano e di corsa, saliti sullo scooter elettrico, si sono dati alla fuga. «Non conosco i motivi e nemmeno riesco a capire il perchè di questo gesto – dice il proprietario della macelleria – ora dovrò rifare lo striscione perchè, essendo l’insegna coperta dall’impalcatura, la funzione era proprio quella di farci notare dai clienti. Purtroppo a Castellammare in molti vivono un momento di disagio sociale non indifferente e purtroppo capita anche che ti venga rubato uno striscione in pvc che non potrà essere vendutonè riutilizzato, ma soltanto gettato nella spazzatura.»


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com