Seguici sui Social

Cronaca

Col reddito di cittadinanza spacciava soldi falsi al mercato

Operazione della gurdia di finanza a piazza Mercato a Napoli

Pubblicato

il

reddito di cittadinanza

Percepiva il reddito di cittadinanza, ma spacciava banconote false al mercato. I baschi verdi del Gruppo Pronto Impiego di Napoli della guardia di finanza, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso tra i banchi rionali di Piazza Mercato un 27enne napoletano proprio mentre smerciava i soldi falsi. Le perquisizioni eseguite nella sua abitazione hanno permesso di scovare, occultate nei mobili di una camera dal letto, altre 1.946 banconote false del valore nominale complessivo di circa 139.000 euro, in tagli da 50, 100 e 500, oltre ad un piccolo quantitativo di stupefacenti per uso personale.
Le banconote false, di ottima fattura, se immesse sul mercato avrebbero fruttato al responsabile un guadagno che può aggirarsi intorno al 15% del valore nominale.
Il 27enne, denunciato all’autorità giudiziaria per spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate e ricettazione e all’Autorità Prefettizia, è stato altresì segnalato all’INPS per le procedure di competenza in merito alla sospensione e alla revoca del “reddito di cittadinanza”, di cui è risultato percettore.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com