Seguici sui Social

Eventi

Scuola Bonito-Cosenza, riapre l’edicola votiva dedicata alla Madonna di Pompei

Oggi l’inaugurazione alla presenza del Vescovo

Pubblicato

il

Edicola votiva

Riapre l’edicola votiva della scuola Bonito-Cosenza. Nel cortile della scuola c’è un’edicola dedicata alla Madonna di Pompei che risale a oltre mezzo secolo fa. Un monumento realizzato dal prof Ferdinando Morgoglione, con la collaborazione del celebre artista stabiese Armando Catania. A benedirla nel lontano 1969 fu l’indimenticato parroco del rione San Marco, don Ciro Donnarumma. Dopo anni di abbandono, grazie all’impegno di insegnanti, personale della scuola e la nuova dirigente Anna Morvillo, l’edicola è stata ripristinata e domani sarà inaugurata alla presenza del Vescovo, Francesco Alfano.
«L’iniziativa di valorizzare l’edicola rappresenta un modo per esercitare il diritto alla bellezza che si traduce in tutela dei principi di cittadinanza, del patrimonio comune e in attivazione di processi virtuosi volti alla valorizzazione e alla rigenerazione del proprio territorio – dice la dirigente Anna Morvillo – I cittadini si formano attraverso l’esercizio del senso di appartenenza e del riconoscimento di valori comuni. L’edicola per coloro che vivono il quartiere San Marco e hanno frequentato questo istituto non ha solo valore storico e culturale ma soprattutto sentimentale legato alla loro esperienza in questa scuola».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com