Seguici sui Social

Cronaca

Turisti aggrediti dai cani a Faito, intervengono i carabinieri: sanzionato pregiudicato

Il 41enne di Gragnano identificato, randagi affidato all’Asl

Pubblicato

il

Cani

Episodi di aggressioni a turisti ed escursionisti erano all’ordine del giorno. Molti i cani randagi liberi tra i faggi secolari del monte Faito.
Ed è così che i carabinieri della stazione di Vico Equense, insieme a personale dell’ASL veterinaria, hanno organizzato una battuta di ricerche per rintracciare gli esemplari più pericolosi e mettere al sicuro turisti e animali stessi.
Tre i cani di grossa taglia individuati, senza chip e in condizioni igieniche terribili. Sono stati affidati agli specialisti dell’ASL.
I segugi erano alla guida di un gregge di pecore che pascolava senza alcuna autorizzazione lungo i pendii del Faito. Grazie ad accertamenti effettuati in loco, i militari sono riusciti a individuare e identificare il padrone degli animali. Si tratterebbe di un 41enne di Gragnano già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato sanzionato amministrativamente.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com