Seguici sui Social

Politica

A Sant’Antonio Abate la prima scuola totalmente alimentata da energia sostenibile

L’annuncio della sindaca Ilaria Abagnale

Pubblicato

il

scuola

Nel pieno di una crisi energetica senza precedenti, c’è un comune del comprensorio stabiese che investe in sostenibilità. Dopo il progetto volto ad alimentare le luminarie natalizie con pannelli solari, risparmiando i costi elevati di corrente elettrica, arriva anche la prima scuola alimentata dal fotovoltaico. Ad annunciarlo è la sindaca Ilaria Abagnale, consigliere metropolitano che ne sta facendo una vera e propria crociata.
“L’Istituto scolastico in via Cesano è pronto a diventare energeticamente autosufficiente – fa sapere la sindaca di Sant’Antonio Abate – L’abbiamo detto e l’abbiamo fatto. Riduciamo i costi di gestione, consumi e impatto ambientale di un edificio comunale che ospita quotidianamente centinaia di studenti. Li ispiriamo al risparmio approfondendo gli studi dedicati in una scuola virtuosa, dove la teoria è praticata e la produzione di energia elettrica immediata, sia nella generazione che nella sua fruizione e consumo, servirà a rendere l’ambiente di studio funzionale, smart, immediato e sicuro”.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com