Seguici sui Social

Attualità

CRONACA, Vico Equense. Tragedia a Seiano: muore folgorato

Pubblicato

il

Tragedia alla marina di Seiano, a Vico Equense. Nella serata di ieri un 34enne del posto, ha perso la vita per arresto cardiaco molto probabilmente a causa di una scarica elettrica. Ancora non è chiara la dinamica dei fatti.

Poco dopo le 22 i carabinieri della stazione di Vico Equense, guidati dal Comandante Giuseppe Giudice, sono stati allertati dai sanitari del 118 che erano giunti a Seiano a seguito di segnalazione per un uomo in fin di vita. Giunti sul posto non potevano far altro che costatarne il decesso. L’area è stata sottoposta a sequestro e la salma è in attesa di disposizioni da parte del giudice.

Secondo le prime indiscrezioni il pescatore, molto conosciuo a Vico Equense, era andato a controllare alcune imbarcazioni quando è rimasto folgorato. Infatti i sanitari hanno trovato segni di ustione su tutto il corpo del malcapitato. Non è chiaro se stava lavorando ad una barca e sia rimasto folgorato a causa di una dispersione elettrica. Altra ipotesi al vaglio degli investigatori è anche la causa naturale. Il 34enne infatti potrebbe essere stato attraversato da un fulmine viste le condizioni metereologiche abbastanza critiche in quella zona.

Intanto sui social sono tanti i commenti di cordoglio per la famiglia dell’uomo.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com