Seguici sui Social

Politica

Falò dell’Immacolata, in azione le baby gang di quartiere

Scatta l’allarme anche da parte dei commercianti

Pubblicato

il

immacolata

E’ allarme sicurezza in città. Come accade ogni anno, ormai da decenni, nel periodo che precede l’Immacolata a Castellammare di Stabia si susseguono continui furti di legna da parte di gruppi di giovani. Ormai già da qualche settimana si vedono in giro per la città gruppi di giovani e giovanissimi, appartenenti ai vari quartieri della città delle acque, che scorrazzano in lungo e largo alla ricerca di legna da ardere nella notte dell’Immacolata.
«Ultimamente – dice un negoziante di via Catello Fusco – i ragazzini danno anche fastidio alle persone per strada e cercano di compiere atti di bullismo verso gli altri. Purtroppo non si limitano più a recuperare soltanto la legna, ma sembrano vere e proprie gang di quartiere organizzatesi in stile metropolitano per dare filo da torcere al prossimo».
Effettivamente è qualche settimana già che per le strade stabiesi si vedono gruppi di ragazzi che con ogni mezzo cercano di reperire legna in barba alle forze dell’ordine. Intanto, da palazzo Farnese, non si vede nessuna mossa atta a mitigare o debellare questo fenomeno che, a causa della mancanza di un’amministrazione comunale, quest’anno rischia di far ripiombare indietro di una ventina di anni la città con legna “rubata” dappertutto e falò accesi la notte dell’otto dicembre in ogni dove.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com