Seguici sui Social

Politica

Premio di “consolazione” ai Comuni sciolti per camorra, oltre 700mila euro a Castellammare 

Cifra finanziata dal ministero dell’Interno

Pubblicato

il

camorra

Chiamiamolo risarcimento, oppure magra consolazione, un contentino. Arriva un finanziamento per realizzare opere pubbliche dal ministero dell’Interno. Fondi destinati ai comuni italiani sciolti per infiltrazioni mafiose, in questo caso per camorra. Tra questi c’è anche Castellammare di Stabia, che per la prima volta si ritrova ad affrontare una inedito scioglimento per camorra. Attualmente alla guida di Palazzo Farnese c’è la triade commissariale capitanata dal prefetto Raffaele Cannizzaro, coloro che avranno il compito di amministrare la città almeno fino alla primavera del 2024 in caso di proroga del commissariamento. Per quella data la triade potrà programmare opere pubbliche per oltre 700mila euro, la cifra finanziata dal Viminale come “premio di consolazione”.

 

 

COMUNI CAMPANI SCIOLTI ABITANTI FINANZIAMENTO (€) QUOTA PRO CAPITE
San Giuseppe Vesuviano 30.147 477.615,41 15,84
Torre Annunziata 40.674 644.393,44 15,84
Marano di Napoli 57.700 685.600,78 11,88
Castellammare di Stabia 63.694 756.822,45 11,88

Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com