Seguici sui Social

Ultime Notizie

Eventi e spettacoli, il “sindaco” Cannizzaro vara il mini-cartellone di Natale

Pubblicato

il

natale

Sono 130mila euro e sono finanziati dalla Città Metropolitana per gli eventi di Natale a Castellammare di Stabia. Un mini-cartellone natalizio che fa il paio con i fuochi pirotecnici e i falò sull’arenile all’Immacolata, oltre agli addobbi natalizi dell’albero di via Mazzini e degli alberi installati tra il centro e la periferia. Si parte con un affidamento a Juka, da 3.250 euro, per cinque giorni di animazione in strada con le maschere di Babbo Natale, elfi e spettacoli itineranti di bolle di sapone e giocoleria. Si parte domenica 18 dicembre e si prosegue alle vigilie e alle antivigilie di Natale e Capodanno.

Il secondo affidamento è all’associazione Alegria per poco più di 6000 euro per organizzare spettacoli teatrali. Il primo dedicato a Raffaele Viviani al Teatro Supercinema, in programma il prossimo 2 gennaio. Poi tre spettacoli dedicati ai bambini dal titolo “Incanta Bosco” per i giorni 2, 3 e 4 gennaio.

Attualità

A Castellammare il primo congresso regionale del sindacato dei Carabinieri

Pubblicato

il

natale

In data 28/05/2024 la regione Campania, presso L’Hotel dei Congressi di Castellammare di Stabia, ospiterà il primo Congresso Regionale dell’associazione professionale a carattere sindacale Pianeta Sindacale Carabinieri PSC – ASSIEME.

L’associazione sindacale Pianeta Sindacale Carabinieri rappresenta una delle maggiori associazioni di categoria di Carabinieri emersa nel nuovo panorama sindacale che si è venuto a creare con l’apertura alla sindacalizzazione delle forze armate.

“Questo evento è unico nella storia dell’Arma dei Carabinieri e rappresenta una pietra miliare nello sviluppo del sindacalismo italiano”, dichiara Vincenzo Romeo, Segretario Generale di PSC.

Per la prima volta, tutti i Carabinieri sono chiamati a eleggere democraticamente i loro rappresentanti e i quadri dirigenti che guideranno l’associazione per i prossimi quattro anni.

Sin dalla sua costituzione, Pianeta Sindacale Carabinieri si è affermata come interlocutore verso il governo per la tutela dei Carabinieri e per il miglioramento delle loro condizioni di lavoro, affinché possano offrire un servizio sempre più rispondente ai crescenti bisogni di sicurezza della collettività.

 



Continua a leggere

Cronaca

Traffico illecito di rifiuti, scandalo allo stir di Tufino: 12 arresti

Pubblicato

il

natale

In data 28 maggio 2024, nelle province di Napoli, Avellino, Benevento e Salerno, i Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale e della Sicurezza Energetica di Napoli, unitamente ai Carabinieri dei Comandi Provinciali territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nr. 12 soggetti, ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, furto aggravato ai danni della Città Metropolitana di Napoli e corruzione.

L’ordinanza cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli in totale accoglimento della richiesta depositata dal Pubblico Ministero fa riferimento ad una serie di condotte illecite riscontrate nel corso dell’attività investigativa eseguita dai carabinieri del N.O.E. di Napoli protrattasi per circa sei mesi coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli – Gruppo Specializzato sul Traffico di Rifiuti.
L’indagine, condotta anche con l’ausilio di attività tecniche quali intercettazioni di conversazioni, video riprese e pedinamenti, ha avuto origine nel gennaio 2023 a seguito delle segnalazioni della S.A.P.NA. s.p.a., società interamente partecipata dalla città metropolitana di Napoli che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti solidi urbani della area metropolitana del capoluogo campano, in merito ad anomalie nel trattamento dei rifiuti all’interno dell’impianto di Tufino, nel quale venivano smaltite tipologie di rifiuti di provenienza industriale e dunque estranee al ciclo di raccolta dei rifiuti urbani.

Nel corso delle indagini, il Reparto Speciale dei Carabinieri ha accertato l’esistenza di una associazione che vedeva coinvolte diverse figure professionali tra cui gli amministratori di alcune aziende di rifiuti speciali delle province di Napoli e Salerno, autisti di automezzi adibiti alla raccolta di rifiuti urbani e alcuni dipendenti infedeli dell’impianto di Tufino, che avevano organizzato, nei minimi dettagli, un articolato “modus operandi” che consentiva loro di smaltire illecitamente rifiuti speciali, di provenienza industriale, nell’impianto pubblico, a spese dell’Ente pubblico.

L’agire degli indagati era oramai consolidato : gli autisti delle due società, aggiudicatarie di appalti per la raccolta di rifiuti urbani in alcuni paesi vesuviani, fungevano da tramite, tra i produttori di rifiuti speciali e gli operai addetti alla gestione dei rifiuti all’interno dello STIR, nella gestione dell’illecito traffico, finalizzato all’esigenza dei privati di smaltire illecitamente i loro rifiuti, conseguendo un significativo risparmio in termini economici, di contro, consentiva ai dipendenti pubblici di intascare profumate mazzette, in cambio del servizio reso.

Essenziale il ruolo degli addetti al TMB di Tufino, perfettamente organizzati per bypassare il rigido sistema di controllo previsto dalla S.A.P.NA., e consentire agli autisti degli automezzi di operare indisturbati e scaricare i rifiuti illecitamente. Una intera squadra forniva i propri turni di servizio ai complici esterni, che dunque pianificavano in totale tranquillità gli illeciti sversamenti nella certezza della compiacenza di tutti i componenti di quel turno, remunerati dal capo squadra, ciascuno in proporzione del contributo fornito.

Al fine di incrementare ulteriormente gli illeciti profitti, alcuni degli indagati, sia dipendenti dello STIR che autisti, dopo aver effettuato gli smaltimenti illeciti, completavano la loro illecita collaborazione rendendosi protagonisti del furto delle bobine di ferro, del valore di circa 20.000 euro, utilizzate nell’impianto di Tufino per imballare i rifiuti, occultando le stesse all’interno degli stessi autocompattatori.
Nel corso dell’attività sono stati accertati smaltimenti illeciti per oltre 1.000 tonnellate di rifiuti speciali che hanno determinato un aggravio di costi alla S.A.P.NA. per circa 500.000,00 euro, oltre i danni spesso causati all’impiantistica dallo sversamento di rifiuti anche ferrosi, che hanno bloccato anche per lunghi periodi il ciclo di trattamento dell’impianto pubblico.

Nello stesso contesto investigativo i militari dell’Arma hanno sottoposto a sequestro le due aziende private produttrici di rifiuti industriali.



Continua a leggere

Politica

D’Apuzzo: “Stop alla Tari per chi investe a Castellammare”

Pubblicato

il

natale

Il centrodestra ha elaborato un programma condiviso con il territorio e un ampio capitolo è dedicato al commercio e all’economia. Concetti chiari e semplici sono quelli della coalizione che sostiene Mario D’Apuzzo sindaco.

“Il dialogo costante con i commercianti e con l’Ascom ci ha consentito di studiare le criticità sulle quali intervenire con urgenza ed elaborare piani a lungo termine per rilanciare il settore – dice Mario D’Apuzzo- Del “no” categorico, certo e coerente aal sottopasso abbiamo più volte parlato perché è una conditio sine qua non per garantire un futuro al San Marco e non solo. Impensabile separare il quartiere per anni dal resto della città – dice D’Apuzzo -. Altra certezza del centrodestra è garantire un Lungomare libero e quindi intervenire con decisione sulla mobilità attraverso un Puc elaborato con un confronto costante con commercianti e Ascom”.

“Vivibilità e sicurezza sono la base sostanziale dei nostri interventi – aggiunge il candidato del centrodestra – ma abbiamo anche su questo argomento una visione globale. E quindi ci prepariamo a supportare concretamente gli operatori economici che decideranno di investire a Castellammare. In che modo? Prevediamo sgravi fiscali con esenzione dalla Tari per tre anni per chi investe nel centro storico. Oltre alla decontribuzione prevediamo iniziative a favore di ogni singolo imprenditore o commerciante che contribuisce, con lavoro e sacrificio, a rendere attrattiva la nostra città. E che crea lavoro e, nello stesso tempo, rende Stabia migliore”.



Continua a leggere

Politica

Vicinanza snobba il centrodestra e fa replicare alle candidate del Pd

Pubblicato

il

natale

Vicinanza snobba tutti. Perfino la deputata azzurra Annarita Patriarca. E lo fa affindando la replica alle accuse di «sessismo» alla giovane candidata dem Laura Della Monica. Un modo per glissare le polemiche e dimostrare di essere il candidato da battere a Castellammare di Stabia. Lo stesso atteggiamento che ha tenuto quando ha affidato a un’altra candidata del Pd, Ada Fariello, un’altra replica a Mario D’Apuzzo sull’ospedale sul Solaro.

In ogni caso, Vicinanza ha fatto dichiarare a Laura Della Monica che “la polemica sulle presunti frasi sessiste pronunciate da Luigi Vicinanza è del tutto infondata e inconsistente. Dispiace apprendere che qualcuno abbia riportato in modo deformato alla deputata Annarita Patriarca, la dichiarazione del candidato sindaco Vicinanza. Noi non accettiamo lezioni da parte di chi nega il linguaggio di genere. La verità è che la coalizione di destra non riesce ad accettare la presa di posizione sul ‘no’ al sottopasso al rione San Marco da parte del nostro candidato sindaco Luigi Vicinanza e di tutta la coalizione di centrosinistra”.

E ancora: “Volendo essere realisti, penso che sia un modo per distogliere l’attenzione dalle nostre idee concrete per la crescita della città. Siamo sulla strada giusta, stiamo facendo un buon lavoro. Il nostro no al sottopasso è nero su bianco nel programma di coalizione del centrosinistra che sostiene Luigi Vicinanza. L’abbiamo ribadito mettendoci la faccia e firmando un patto chiaro con i cittadini del quartiere e di tutta Castellammare. Lo abbiamo riaffermato nella giornata di domenica insieme al capogruppo del PD in consiglio regionale, Mario Casillo. Andiamo avanti dritti verso il nostro unico obiettivo, che è rendere Grande Stabia” – conclude la candidata dem.



Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, altro incidente sulla statale: ferito centauro

Pubblicato

il

natale

Nuovo incidente sulla statale sorrentina, nel territorio di Castellammare di Stabia. Un’auto e uno scooter si sono scontrati nei pressi del castello medievale. Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia municipale del comando stabiese per i rilievi del caso.

Ad avere la peggio il centauro alla guida dello scooter, anche se le condizioni non sarebbero preoccupanti.

Si tratta dell’ennesimo incidente. L’ultima in ordine di tempo risale proprio a sabato sera, quando un 19enne ha perso la vita in via Ripuaria.



Continua a leggere

Politica

Sottopasso, volano gli stracci. Patriarca su tutte le furie: «Frasi sessiste di Vicinanza»

Pubblicato

il

natale

«Complimenti a Luigi Vicinanza, ex direttore dell’Espresso e già firma di Repubblica, giornali che si proclamano difensori dei diritti delle donne, per il suo scomposto commento sessista riportato oggi dalla stampa nei confronti della sottoscritta se non, addirittura, del premier Giorgia Meloni. Secondo Vicinanza, le donne non possono ricoprire posizioni di responsabilità e quando lo fanno assumerebbero, a suo dire, atteggiamenti dittatoriali. La sua frase sugli “uomini liberi” è offensiva e retrograda. Mi aspetto una levata di scudi dalle donne di sinistra contro questo scivolone. Se Vicinanza ha problemi a relazionarsi con le donne in politica deve rassegnarsi: le suffragette hanno vinto la loro battaglia già nel 1800».



A dirlo è Annarita Patriarca, deputata di Forza Italia e commissario provinciale del partito.

«La sinistra è andata completamente in cortocircuito sul no al sottopasso. Ed è buffo osservare le evoluzioni che la sgangherata coalizione di Vicinanza sta compiendo pur di giustificare il suo presunto no alla infrastruttura dopo che, per anni, l’Eav, il Pd regionale e lo stesso presidente della Regione hanno sostenuto la necessità dell’opera – aggiunge la parlamentare –. Ora tanti dicono di aver cambiato idea improvvisamente. Come Tristano Dello Ioio che, da candidato, dimentica qual era la sua posizione fino a poche settimane fa; o addirittura come il capogruppo regionale dem, Mario Casillo, che da “cultore” del mondo Eav ha deciso di fare ammenda promettendo che il sottopasso non sarà realizzato. Come se bastasse qualche sbadato slogan lanciato in campagna elettorale per convincere gli stabiesi delle loro buone intenzioni. I cittadini, invece, ben sanno che l’opera finora è stata bloccata solo perché la precedente Amministrazione si è opposta ingaggiando un braccio di ferro con l’Eav e la Regione Campania».

«Peraltro nella lotta al sottopasso il centrodestra aveva al suo fianco anche una parte del Pd nazionale e il deputato grillino Gaetano Amato ai quali riconosco l’onestà intellettuale, a quell’epoca, di aver condiviso la nostra battaglia – sottolinea ancora la deputata forzista –. Ma sia il Pd nazionale sia Amato sanno benissimo che il vero ostacolo alla soppressione dell’infrastruttura che bucherebbe il rione San Marco, trasformandolo in un cantiere infinito, è il Pd regionale, ovvero la componente più importante della loro coalizione. Quello stesso Pd che oggi indossa la maschera e finge di essere contrario al sottopasso dopo averlo sostenuto, sponsorizzato e appoggiato in tutte le sedi e in tutte le occasioni. Se davvero avessero voluto accogliere le istanze della cittadinanza e impedire la costruzione del traforo, i pentiti di sinistra di oggi avrebbero potuto convincere De Luca anni fa a stralciare l’opera dal piano. Cosa che invece è avvenuta solo grazie alla ostinata difesa del territorio da parte del precedente sindaco. Caduto questi, l’Eav ne ha approfittato per riproporla in tempi record».

«Il sottopasso resterà sulla carta solo con un’Amministrazione di centrodestra – conclude la deputata azzurra –. Tutti i penitenti dell’ultima ora non saranno in grado e non sarebbero in grado di opporsi al volere del presidente della Regione e dell’Eav. Il Pd campano e tutta la coalizione di Vicinanza, candidato sindaco in testa, spacciano fake news sperando che gli stabiesi abbocchino. Ma i cittadini non lo faranno perché sanno perfettamente dove finisce la difesa di una giusta causa e dove inizia la difesa delle poltrone di questi campioni dell’incoerenza. Dai quali, una volta eletti, ci dovremo aspettare sicuramente un’altra capriola per giustificare il “sì” al sottopasso».

 

Continua a leggere

Attualità

Un canestro per dire no al bullismo

Pubblicato

il

natale

Sabato 25 Maggio in campo per dire no al bullismo .



Nello sport anche quelli che ci sembrano più violenti, il rispetto dell’atro è messo al centro, come regola indispensabile. L’associazione Young Space ha organizzato la manifestazione “Un Canestro per dire #IODICONOALBULLISMO” presentata da Amalia Bernardo e Gennaro De Marco, con un amichevole di Basket under 13 presso l’oratorio di Messigno – Pompei in campo Art Borrelli Ball con i Coach Rosario Luca Ingenito e Giuseppe Esposito e Olympia Basket Pomigliano con il Coach Michele Pio D’Ambrosio.
Lo sport come arma vincente contro il fenomeno del bullismo e cyberbullismo.
Le attività sportive sono un’amico fondamentale nella lotta al bullismo, per il suo visibile valore sociale ed educativo.
Lo slogan della Young Space è “ Il nostro futuro sono i ragazzi. Un ragazzo consapevole oggi, sarà un adulto responsabile domani”. Questo il motivo trainante della manifestazione. Era presente anche il parroco di Messigno, don Michelangelo Gargiulo – “ Che tutti possono trovare spazio per fare lo sport un luogo d’incontro, di socializzazione e per dire il nostro no a tutto ciò che è violenza. Si gioca per vincere, ma con lealtà,accettare anche la sconfitta, perché bisogna anche saper perdere”
In seguito il presidente dell’associazione Young Space Desiderio D’Amato – afferma – “ Tengo molto a questa tematica, sono anni che mi sono messo in gioco in prima persona , ai ragazzi dico io stesso sono stato vittima di bullismo nell’età adolescenziale, oggi vi dico non abbiate paura, perché solo parlando come ho fatto io e grazie alla mia famiglia, il canto e il teatro sono riuscita ad uscire dal tunnel. Lo Sport deve essere soprattutto divertimento e uno stimolo per migliorarsi giorno per giorno. Non basta solo vincere se non si rispettano le regole e gli avversari. Ricordatevi se cadete potete sempre rialzarvi, perché la vittori più grande è quella di migliorarsi ogni giorno “.
Con la loro presenza e testimonianza alla manifestazione c’erano anche i genitori di Alessandro Cascone il ragazzo di Gragnano, vittima di bullismo volato in cielo il 1 Settembre del 2022, sono diversi mesi che sono impegnati con interventi mirati nelle scuole – il papà si rivolge ai ragazzi e ai genitori – “La presenza dei genitori è fondamentale e importante, dobbiamo diventare amici dei nostri figli,parlare con loro dialogare e cercare di fargli capire che l’uso del telefonino va fatto con coscienza e la dovuta informazione.
Mi rivolgo a voi ragazzi vi dovete voler bene, in modo serio, ma non solo in campo, noi dobbiamo volerci bene fuori dal campo. Lo sport è importantissimo, ci aiuta a legarci, ci aiuta ad avere quella sana competizione che bisogna avere, ma fuori dal campo dobbiamo essere amorevoli, bisogna dare amore, bisogna che voi vi amiate, solo così, noi possiamo cercare di crescerli per evitare complicazioni in un senso o nell’altro, vi chiedo un’ultima cosa stasera fare un canestro per Ale”
Dopo l’intervento dei genitori un momento di grande emozione dove i ragazzi delle due squadre si sono unite in un unico abbraccio ai genitori di Alessandro.
Le indagini si sono concluse e sono emersi elementi molto importanti in merito, il 29 inizierà il processo.
Presenti alla manifestazione l’Avv. Francesco Urraro – Consiglio di Presidenza del consiglio di Stato, molto ferrato sull’argomento, insieme alla d.ssa Rosanna Calabrese – Psicologa e Psicoterapeuta esperta in neuropsicologia. Inoltre non è mancata la presenza di alcune istituzioni del territorio che subito hanno risposto alla chiamata per scendere in campo insieme alla Young Space per dire no al bullismo, era presente il sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio accompagnato del presidente del consiglio Peppe La Marca, il sindaco di Santa Maria la Carità Avv. Giosuè D’Amora e il vice sindaco di Lettere Anna D’Auria. Inoltre si ringrazia la presenza delle mamme di VicoloCuore del Progetto Perisomatos e alla D.ssa Lourdes Todisco.
La partita si è conclusa con le due squadre che hanno dedicato ognuno di loro un canestro ad Alessandro.

Continua a leggere

Politica

Castellammare, l’impegno di D’Apuzzo: «Riapriremo l’ufficio del Giudice di Pace»

Pubblicato

il

natale

La riorganizzazione della geografia giudiziaria avvenuta nel 2012 ha portato alla chiusura di molti uffici del Giudice di Pace. Tale ridisegno diede ai Comuni la possibilità di mantenere gli uffici aperti a proprie spese. L’amministrazione di centrosinistra guidata dal sindaco Cuomo decise di non farlo, e Castellammare di Stabia perse così un presidio di legalità essenziale.

Questa decisione ha costretto da allora i cittadini stabiesi a recarsi a Torre Annunziata per questioni giudiziarie, con il conseguente aumento di costi e disagi, e ha tolto alla città di Castellammare un’opportunità di sviluppo economico. Anche di questo si è discusso in occasione dell’incontro avuto ieri con il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Del Mastro, in città per sostenere Mario D’Apuzzo, candidato sindaco del centrodestra.

“L’Ufficio del Giudice di Pace non è solo un luogo dove si amministrano le controversie – dice il candidato sindaco del centrodestra, Mario D’Apuzzo -: rappresenta un baluardo di giustizia e sicurezza, soprattutto in un territorio come il nostro, dove la presenza della criminalità organizzata è forte. La sua riapertura significherebbe non solo restituire ai cittadini un servizio fondamentale, ma anche generare un indotto economico grazie al flusso continuo di persone che utilizzerebbero i servizi locali”.

“L’Ufficio di Castellammare era situato in un immobile di proprietà comunale ora in disuso. Con l’entrata in vigore del processo telematico, i costi di gestione sarebbero ridotti, richiedendo meno personale rispetto al passato”, aggiunge l’avvocato D’Apuzzo. “Il mio impegno e quello della mia coalizione sarà immediato e concreto. Chiederò un incontro con il ministro della giustizia per ottenere il riconoscimento del diritto del nostro Comune a riaprire l’Ufficio del Giudice di Pace, anche modificando l’attuale geografia giudiziaria. Sono fiducioso che, grazie alla collaborazione con il governo nazionale e al coinvolgimento dei parlamentari locali dell’attuale maggioranza, riusciremo a raggiungere questo obiettivo”. Nel piano del centrodestra anche l’intento di collocare il nuovo ufficio giudiziario in una zona periferica della città, utilizzando uno degli immobili comunali.

“Questa scelta – continua Mario D’Apuzzo – contribuirà a integrare meglio le periferie con il centro cittadino, stimolando un rilancio economico e sociale, come dimostrano le esperienze di comuni limitrofi come Torre Annunziata e Gragnano”. “La mia visione per Castellammare di Stabia è chiara: una città più sicura, giusta e prospera. Un voto per me significa un impegno concreto per la rinascita della nostra comunità, per un futuro in cui legalità e sviluppo vanno di pari passo”, conclude l’avvocato D’Apuzzo.



Continua a leggere

Politica

Mario Casillo prepara il costume: «A luglio farò il bagno sul lungomare di Castellammare»

Pubblicato

il

natale

«A luglio farò il bagno a Castellammare». Mario Casillo prepara il costume e si appresta a calpestare l’arenile stabiese a piedi nudi per tuffarsi nelle acque antistanti alla villa comunale. Il big campano del Partito Democratico l’ha dichiarato pubblicamente in occasione di una manifestazione politica a sostegno del candidato del centrosinistra Luigi Vicinanza.

Da anni Casillo si batte sulla balneabilità del lungomare e negli anni si sono susseguiti interventi mirati alla chiusura degli scarichi a mare. Tanto che le analisi delle acque sono sempre più incoraggianti, ma l’unica zona non ancora balneabile resta proprio quella antistante la villa comunale. L’annuncio di Casillo evidentemente lascia intravedere un via libera dell’Arpac imminente. Resta da capire se l’arenile è calpestabile o meno. Ma evidentemente Casillo ha voglia di rischiare.

La novità rappresentata nel corso dell’incontro con la giornalista Lucia Annunziata, candidata alle Europee per il Pd, è anche un’altra: un no categorico al sottopasso di via Cosenza. Per la prima volta il potente consigliere regionale del Pd si dichiara contro il progetto voluto da Eav e da De Luca. Una notizia sicuramente, anche perchè nei mesi scorsi Casillo ha avuto un ruolo di mediatore tra le parti. Ma il no categorico della cittadinanza ha evidentemente spinto il big Dem a prendere posizione.

Alberto Cimmino



Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, incidente in scooter: 19enne muore sul colpo. Sull’auto coinvolta una donna senza patente

Pubblicato

il

natale

Ancora sangue sulle strade di Castellammare di Stabia. L’ennesimo incidente mortale, la vittima un giovanissimo a bordo di uno scooter.

Questa notte, intorno alle 2, i carabinieri della stazione di Castellammare di Stabia sono intervenuti in via Ripuaria per un incidente stradale. Un 19enne di Boscoreale, in sella ad uno scooter insieme ad un amico, si sarebbe scontrato con un’auto. Il 19enne è morto sul colpo, il passeggero è stato portato in ospedale per accertamenti, non in pericolo di vita. Le 4 persone in auto sono rimaste illese.

Alla guida dell’utilitaria, secondo una prima ricostruzione, ci sarebbe stata una 26enne senza patente. E’ stata denunciata per omicidio stradale. Un 51enne risponderà invece di favoreggiamento personale, per aver dichiarato falsamente di essere alla guida durante lo scontro.

I veicoli sono stati sequestrati, la dinamica dell’incidente da ricostruire. La salma sarà sottoposta ad autopsia



Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.

Questo si chiuderà in 27 secondi