Seguici sui Social

Attualità

“Mamma camorra”, il ruolo delle donne-boss stabiesi nel libro di Zurlo

Pubblicato

il

Camorra

Donne spietate, risolute. E sanguinarie. Talvolta come e più degli uomini. Donne che esercitano il potere mafioso con lo stesso piglio dei propri compagni, e che riescono a scansare per lungo tempo inchieste e carcere per via di quel ruolo volutamente meno mediatico che le rende quasi invisibili anche agli occhi degli investigatori.
Sono le donne raccontate nel libro ‘Mamma camorra. Nel vento del male’, il secondo libro dello scrittore Vincenzo Zurlo. La storia di Teresa Martone, moglie del fu boss Michele D’Alessandro, trova spazio nel testo edito da Stylo24 e in vendita su Amazon (a Castellammare di Stabia è disponibile anche presso il punto vendita della Mondadori). Lei incarna la figura di quelle camorriste che poco appaiono ma tutto controllano: «Molti collaboratori parlano di un suo lunghissimo periodo di comando durato oltre un ventennio e coinciso con la detenzione del marito prima e dei figli poi – è un passaggio del libro – ma non riescono mai a fornire ai magistrati la prova definitiva». Lei incarna la figura di quelle donne di camorra che non solo governano le attività illecite ma sono «educatrici e catechiste» dei (dis)valori malavitosi. Una funzione centrale nel mondo del malaffare, quello della donna. Sulla quale l’autore chiede di intervenire con maggiore determinazione: è necessaria «una evoluzione della normativa in materia di reati di mafia commessi dalle donne» perché la donna «è il capitale sociale su cui tutto si fonda». Parimenti, ragiona Zurlo, va intrapresa un’azione incisiva sui figli di chi vive di malaffare. Il destino dei ‘figli d’arte’ è già scritto, spiega Zurlo: «Chi nasce in una famiglia di mafia farà il mafioso e quei pochi casi che sfuggono a questo impietoso destino non fanno nemmeno statistica». Per questo «i giudici dovrebbero adottare per i minori decisioni analoghe a quelle adottate nei casi di famiglie in cui accadono violenze o i genitori sono tossicodipendenti». In altri termini Zurlo spinge per una normativa che consenta di allontanare i ragazzi da contesti familiari malavitosi.
Nel libro sono raccontate le storie di oltre 30 donne di camorra. Molte provenienti dall’area sud di Napoli. Oltre a Teresa Martone, Zurlo si sofferma sulle figure di Pupetta Maresca, Annamaria Carotenuto (Torre del Greco), Antonella Madonna ed Enrichetta Corda (entrambe di Ercolano). Un viaggio nel ‘volto gentile’ del male che racconta una verità ormai nota: la donna di camorra «è spietata e assetata di potere, capace di una vendetta determinata e lucida» e «partecipa a pieno titolo alla vita associativa criminale».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Una stabiese a The Voice Senior su Rai Uno

Pubblicato

il

Camorra

Successo per Ondina Sannino che entra in squadra con Gigi D’Alessio

Una stabiese in onda in prima serata su Rai Uno. Anna Sannino, in arte Ondina, partecipa a The Voice, il programma condotto da Antonella Clerici dove i giudici, Gigi D’ Alessio, Clementino, Loredana Bertè ed i Ricchi e Poveri dovranno scegliere gli artisti in gara per la propria squadra e prepararli per la finale dove poi potranno essere votati al televoto.

Voce soave, la stabiese incanta i giudici. Subito “si girano” per corteggiarla e farla entrare nella propria squadra i Ricchi e Poveri e Gigi D’ Alessio, poi Clementino.

Alla fine, con il complimento di Gigi D’ Alessio che la definisce artisticamente “uno tsunami non un’ ondina”, la stabiese sceglie D’Alessio.

Appuntamento quindi alle prossime puntate su Rai Uno per sostenere una stabiese in gara che potrà portare alto il nome di Castellammare di Stabia.

Continua a leggere

Politica

Il vescovo Alfano sfida la camorra: “Diciamo no al male”

Pubblicato

il

Camorra

Dopo tre anni ritorna la processione di San Catello. La prima dopo lo scioglimento per camorra del consiglio comunale di Castellammare di Stabia. Un tema che lo stesso vescovo, don Franco Alfano, ha voluto affrontare nel corso della manifestazione religiosa in onore del santo Patrono

“Viviamo oggi un momento di preghiera e di festa comune. Qui, in questa storica realtà, ribadiamo la necessità di un lavoro dignitoso rispettoso e possibile per tutti. In questo luogo che da secoli rappresenta un vanto per Castellammare di Stabia, vogliamo guardare al futuro e non sognarlo in modo astratto, ma impegnandoci davanti all’immagine di San Catello che ci accompagna da millenni. Diciamo no al male in tutte le sue forme, diciamo no a chi fa gli interessi solo di alcuni. Diciamo sì alla giustizia, alla libertà e alla pace. Cambiamo la nostra mentalità, basta lamentarsi, l’accettazione silenziosa non va più bene” sono le parole di Don Franco Alfano.

La processione è proseguita nel centro antico della città e come di consueto i fedeli si sono fatti trovare pronti agli angoli delle strade per attendere il santo. “Il suono delle campane ci ricorda il bisogno di riprovarci insieme come famiglia unita. Ogni tanto lungo la strada appariva il sole, quella luce c’è anche quando non si vede e può illuminarci la strada per un futuro migliore. Facciamo tutti la nostra parte, la città deve risorgere con l’intercessione del Santo Patrono e la Benedizione di Dio”, conclude il vescovo.

Continua a leggere

Cronaca

Allerta meteo infinita: altro week end di maltempo

Pubblicato

il

Camorra

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo di colore Arancione con validità a partire dalle 12 di domani, venerdì 20 gennaio e scadenza alle 8 di sabato 21 gennaio.

L’avviso segue quello attualmente in atto che terminerà alle 9 di domani mattina, ma riguarda una nuova perturbazione che interesserà la regione, causando un repentino peggioramento delle condizioni meteo, in successiva, rapida evoluzione.

I fenomeni più intensi (vento, temporali e nevicate) saranno localmente molto rilevanti, e si evolveranno lungo la giornata di venerdì, per diminuire di intensità rapidamente, a partire già dalla stessa nottata di venerdì.

Si abbasseranno le temperature sull’intero territorio regionale e si verificheranno anche nevicate e gelate.

Su tutto il territorio regionale i venti saranno molto forti con raffiche meridionali e in rotazione fino ai quadranti settentrionali. Il mare si presenterà molto agitato o grosso con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulle zone interne neve già intorno ai 400 metri, con accumuli al suolo localmente moderati.

Per quanto riguarda la sola criticità idrogeologica l’avviso meteo differenzia la fascia costiera, dove il livello di allerta è Arancione dalle zone interne, dove il colore di riferimento è il Giallo.

Come è noto i colori identificano esclusivamente il tipo di rischio derivante da piogge e temporali, ossia il previsto impatto al suolo delle precipitazioni.

In particolare, sulla fascia costiera della Campania si prevedono temporali diffusi anche di forte intensità e per questo il tipo di rischio associato è Idrogeologico diffuso con possibili fenomeni di instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di fango o detriti oltre che significativi ruscellamenti, anche con trasporto di materiale, voragini per fenomeni di erosione, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Sulle zone interne, invece, le precipitazioni sparse potranno avere carattere di rovescio o isolato temporale: per questo il tipo di rischio associato è di tipo Idrogeologico localizzato e il livello di allerta è Giallo. Sono possibili comunque allagamenti, ruscellamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Su tutto il territorio, incluse le zone dove vige il giallo, potranno verificarsi caduta massi e occasionali fenomeni franosi legati a condizioni particolarmente fragili, anche per la saturazione dei suoli.

La Protezione Civile della Regione Campania richiama i Sindaci di tutti i Comuni alla massima attenzione, anche in considerazione della situazione fortemente compromessa dalle precipitazioni di questi giorni.

Si raccomanda l’attivazione dei COC (Centri Operativi Comunali), la predisposizione di tutte le misure atte a prevenire, contrastare e mitigare i fenomeni attesi, anche in linea con i rispettivi piani di protezione civile.

Si prega di verificare su tutto il territorio la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

In considerazione dell’arrivo di nevicate già a quota 400 mt, si invitano le autorità competenti a dotarsi di mezzi spargisale.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.