Seguici sui Social

Politica

Ospedale al posto delle Terme, il sogno di De Luca. Ma spunta anche l’ipotesi area Avis

Pubblicato

il

ospedale

Delocalizzare l’ospedale San Leonardo. C’è una nuova ipotesi nel caso in cui dovesse sfumare l’idea Terme di Stabia. In Regione stanno ormai ragionando da tempo per creare un polo ospedaliero e universitario a Castellammare di Stabia, qualcosa che sostituisca l’attuale ospedale San Leonardo, ormai congestionato dall’enorme bacino d’utenza. Mentre ci sono reparti come ginecologia e ostetricia, oppure nefrologia, che funzionano alla perfezione, non si può dire lo stesso per il resto. La punta dell’iceberg è un pronto soccorso che non riesce a tenere il ritmo dell’enorme bacino d’utenza, considerate le chiusure dei reparti di Vico, Scafati e Torre del Greco nel giro di pochi anni.

E allora l’idea è quella di creare un nuovo polo ospedaliero stabiese, completo di tutti i reparti, anche dell’emodinamica, localizzandolo in una zona più periferica e facilmente raggiungibile. La prima ipotesi su cui si sta lavorando, con una raccolta firme in atto, è la collina del Solaro dove ora c’è soltanto il rudere di Terme di Stabia.

Ma c’è anche un’alternativa a cui sta lavorando la Regione e in particolare lo staff del governatore De Luca. Si tratta dell’area Avis, chiaramente da bonificare prima di ogni intervento. In questo modo si riuscirebbe anche a riqualificare il quartiere dei cantieri metallurgici. Ma la prima scelta di De Luca resta l’area delle Terme.

Daniele Di Martino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.