Seguici sui Social

Cronaca

Prima una testa di maiale, ora gli spari a Moscarella. Castellammare ripiomba nell’incubo camorra

Pubblicato

il

spari

E’ di nuovo emergenza camorra a Castellammare di Stabia. La criminalità torna ad alzare la testa e in poche ore si registrano due episodi inquietanti che fanno ripiombare la città nel terrore. Dopo il ritrovamento di una testa di maiale mozzata nel quartiere di Privati, è stata la volta di una stesa di camorra nel rione Moscarella. Gli spari ieri sera, intorno alle 21, indirizzati verso un’abitazione. Non è ancora chiaro il bersaglio della spedizione punitiva, ma è chiaro che potrebbe trattarsi di una guerra per lo spaccio di droga.

Negli ultimi anni tra le palazzine di Moscarella sono scattate diverse operazioni delle forze dell’ordine, con ingenti sequestri di sostanze stupefacenti e addirittura armi, sintomo di un gruppo criminale autonomo che ha cercato di controllare l’attività di spaccio nel quartiere. Sul caso indaga l’investigativa del commissariato di polizia di Castellammare.

Inchiesta in corso sempre della polizia anche per capire la matrice del ritrovamento in zona Privati, dove una testa di maiale è stata lasciata per strada con un biglietto e due iniziali impresse. Anche in questo caso potrebbe trattarsi di un avvertimento di matrice camorristica all’indirizzo di un residente del posto.

Daniele Di Martino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.