Seguici sui Social

Politica

Degrado al cimitero, tombe ricoperte da erba incolta

La denuncia di Fratelli d’Italia

Pubblicato

il

Cimitero

Degrado al cimitero. La denuncia di Fratelli d’Italia approda sul tavolo del commissario prefettizio: “Il cimitero è un luogo che merita rispetto e decoro perché è lì che riposano i nostri cari  – si legge – Riteniamo che il grado di civiltà di una comunità lo si valuta anche dal rispetto che essa osserva per i propri defunti; a tal proposito, l’attuale stato del cimitero vecchio di Castellammare è davvero inaccettabile. Le tombe dei defunti sono sovrastate e ricoperte, in alcuni casi quasi completamente, da altissima erba incolta che ci dà la misura del pessimo stato manutentivo del cimitero.
Chiediamo alla Commissione Prefettizia di attenzionare la problematica suesposta, che è immediatamente verificabile con un semplice sopralluogo, e di predisporre un immediato intervento di manutenzione “ordinaria” al cimitero vecchio. I nostri defunti meritano un decoro maggiore!”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.