Seguici sui Social

Attualità

In cinquemila alla via Crucis, la preghiera del Vescovo: «Uniti per superare i problemi della nostra città»

Pubblicato

il

via crucis

In cinquemila in preghiera per la via Crucis a Castellammare di Stabia. Il Vescovo don Franco Alfano in testa al corteo che ha attreversato il percorso lungo le 14 stazioni. Una grande partecipazione nella prima vera uscita post-Covid. Gli stabiesi si sono stretti in preghiera intorno all’arcivescovo, che al termine della processione ha voluto lanciare un messaggio alla città.

Effettivamente Castellammare ha più di tutti bisogno di una resurrezione dopo le recenti vicende politiche, con un commissariamento per infiltrazioni camorristiche. E non poteva mancare una preghiera di Don Franco: «La nostra città ha tanti problemi – ha detto il Vescovo – Solo uniti, tutti insieme, come una grande famiglia possiamo superare tutti questi problemi».

E poi ancora: «La croce di Gesù ci deve consentire di affrontare i problemi che non sono pochi, tutti uniti» ha concluso il Vescovo.

dadimar

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.