Seguici sui Social

Politica

Bagni pubblici aperti di notte, allarme di Fratelli d’Italia: “Non c’è vigilanza”

La richiesta alla commissione straordinaria di istituire la vigilanza notturna

Pubblicato

il

vigilanza

Bagni pubblici anche di notte, scatta l’allarme sicurezza di Fratelli d’Italia. “Abbiamo appreso la notizia che la commissione Prefettizia avrebbe deciso di prolungare l’orario dell’apertura dei bagni pubblici in villa comunale addirittura anche di notte senza nemmeno garantire la dovuta vigilanza” ha reso noto Ernesto Sica, ex consigliere comunale.

“Nel caso in cui questa notizia fosse fondata siamo seriamente preoccupati per i rischi ed i pericoli di sicurezza che questa decisione potrebbe comportare – prosegue – Nell’ultimo anno i bagni pubblici sono diventati quasi inutilizzabili a causa delle pessime condizioni in cui versano. Chiediamo che i bagni rispettino l’ordinario orario di chiusura, o comunque venga garantita la giusta vigilanza oltre ad interventi affinchè le condizioni degli stessi vengano ricondotte ai canoni minimi di decenza” conclude l’esponente del partito di Giorgia Meloni.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.