Seguici sui Social

Politica

La città unita dice “no” al sottopasso di via Cosenza. Spunta l’idea di un referendum

In 500 all’evento del Supercinema di Castellammare per dire no all’opera “inutile”

Pubblicato

il

sottopasso

La politica si scaglia contro i commissari assenti all’iniziativa, le associazioni contro la politica. E così via. E’ un cane che si morde la coda. Ma almeno l’incontro del Supercinema organizzato dall’Ascom è stata l’occasione di un confronto a tutto tondo sul futuro di Castellammare di Stabia. Chiaramente l’argomento principe è stato il sottopasso di via Cosenza, un’opera ritenuta inutile da tutti. E almeno su questo punto c’è un’unità di intenti tra la politica e l’associazionismo.

Buona la risposta della città. In cinquecento erano in platea al Supercinema a supportare l’iniziativa dell’Ascom. Dal dibattito sono emersi anche spunti importanti. Come ad esempio la proposta di Tonino Scala di organizzare un referendum cittadino per dire no al sottopasso, un’opera che spaccherebbe in due la città e isolerebbe il quartiere del San Marco e i suoi circa 20mila abitanti. Una città nella città che rischia di essere risucchiata in una crisi senza precedenti.

Bisogna poi fare i conti anche con le manifestazioni sportive. Il San Marco ospita il Romeo Menti e il suo ingresso principale interdetto per almeno tre anni potrebbe generare anche problemi di ordine pubblico durante le partite della Juve Stabia.

Alla manifestazione erano presenti tutti i rappresentati dei partiti politici: Peppe Giordano (PD), Tonino Scala (SI), Nino Longobardi (Italia Viva), Vincenzo Ungaro (Azione), Michele Aprea (Fratelli d’Italia), Nello Di Nardo (Forza Italia), Marilena Lo Moriello (Verdi). Infine i due deputati di zona Gaetano Amato (M5S) e Annarita Patriarca (Forza Italia). Anche il mondo della scuola era presente con Fabiola Toricco. A fare gli onori di casa il presidente dell’Ascom, Jonny De Meo: “Il progetto per noi danneggia il quartiere e non solo i commercianti. Ci sono quattromila alunni che frequentano le scuole del quartiere, ci sono esercizi commerciali storici. Ci sarà poi una svalutazione immobiliare. Non possiamo accettare tutto questo”.

Un primo passo positivo per la città. Almeno su questo tema si è presentata unita e pronta alle barricate. Gli stessi commercianti hanno iniziato con le azioni di protesta. Ieri con la serrata in concomitanza dell’incontro, prossimamente potrebbero occupare i binari della stazione Via Nocera.

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.