Seguici sui Social

Attualità

Lavori di messa in sicurezza, viadotto San Marco chiuso di sera fino a luglio

Pubblicato

il

Viadotto

Statale chiusa di sera fino a luglio. Sono partiti i lavori di sostituzione dei giunti sul viadotto San Marco. A comunicarlo è l’Anas, che con una nota, spiegando che “sulla strada statale 145 “Sorrentina” in corrispondenza del viadotto ‘San Marco’ è in corso un intervento di sostituzione dei giunti di dilatazione, per un investimento complessivo di 1 milione di euro”.

Le attività sono state programmate in esclusivo orario notturno compreso tra le 20 e le 8 del giorno successivo (ad esclusione dei giorni festivi), al fine di non arrecare particolari disagi alla circolazione. Durante l’esecuzione dei lavori viene attivata l’interdizione al transito della tratta compresa tra gli svincoli di Castellammare Ospedale e Castellammare – Villa Cimmino, incluso lo svincolo di Gragnano e la circolazione viene deviata in loco, su viabilità alternativa (ex SS145 ed ex SS366 ‘Agerolina).

L’ultimazione di queste attività è fissata entro la metà del prossimo mese di luglio.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.