Seguici sui Social

Politica

Addio a Catello Chiacchio, l’ultimo comunista amico di Napolitano

Pubblicato

il

Comunista

L’ultimo comunista dell’ex Stalingrado del Sud. Castellammare dice addio a Catello Chiacchio, storico esponente della sinistra stabiese, più volte consigliere comunale del Partito Comunista e vicesindaco di Flavio Di Martino, ex sindaco socialista anch’egli scomparso nel 2020.

Catello Chiacchio si è poi iscritto al Pd e ha partecipato al processo evolutivo del partito Comunista, passando per PDS, Ds e infine Partito Democratico. Ma è stato un protagonista indiscusso della prima repubblica stabiese.

Chiacchio è sempre stato il riferimento di Giorgio Napolitano a Castellammare, con l’ex presidente della Repubblica ha conservato un rapporto di amicizia.

Sui social il primo a salutare Catello Chiacchio è Tonino Scala, con un lungo e sentito ricordo: “Catello Chiacchio non c’è più, ha deciso di andarsene, in silenzio, in una calda mattina di primavera che sa d’estate.
Per me Catello ha rappresentato tanto non solo sul piano politico. È stato un compagno, vero, un amico, sincero, un padre, comprensivo, un fratello, generoso. È stato il primo, forse l’unico, a credere veramente in me.
Ho sempre apprezzato la sua vivacità. La sua voglia di vivere. Il suo saper costruire relazioni con tutti. Il suo saper ridere della vita e alla vita. Il suo essere politico fuori e dentro al palazzo. Da ragazzino mi ha aiutato a crescere, a guardare la città per capire il mondo. Da adulto mi ha accompagnato ad attraversare la strada anche lontano dalle strisce pedonali.
Per un periodo della mia vita ho avuto solo lui. Ero isolato, nell’angolo. Non solo politico. Una cosa che non dimenticherò mai fu quando me lo trovai fuori casa, vivevo da solo in una mansarda con pipistrelli annessi. Aveva saputo di alcune minacce ricevute per una speculazione edilizia in atto che poi, grazie a questa battaglia, non si realizzò più. Erano gli anni novanta Non scendevo da casa da una settimana. Venne a dormire con me per giorni. “Se ci sono io con te nessuno si permetterà di fare niente. Se poi te fanne coccose almeno non muori da solo”.

Sapeva anche nei momenti drammatici usare ironia. “Sai come saremo belli quando insieme ci presenteremo da Sa Pietro? Eccoli sti due cacacazzi, mi raccomando nun facite guai pure qui!” Condividevamo un letto singolo, una sedia e un televisore in bianco e nero. Mangiammo spaghetti e pomodori in scatola per un sacco di tempo.

Fumava. Come un turco. Si dice così vero? Fumava e fumava ancora. Parlava e fumava. E rideva. Sotto e sopra quei baffi che sapevano di fumo e vita. Insieme ce ne siamo fatte di risate…
Tanti i ricordi, tanti i momenti di vita vissuta intensamente.
Gli ho voluto bene. Mi ha voluto bene più di un padre.
Grazie Catello per avermi insegnato ad amare la vita e gli altri più di me stesso. Questo è un pregio ed un difetto lo so, ma son contento di essere così.
Al Padreterno e a San Pietro chiedo comprensione in fondo Catello ha solo amato gli altri e la vita. Che la terra ti sia lieve Catello compagno mio”.

Il ricordo del Partito Democratico: “Con Catello Chiacchio se ne va un pezzo importante della storia del nostro partito quella fatta di passione e genuinità nei rapporti ma anche di risate e comprensione . Catello era un compagno che c’era sempre , con il quale perdersi in tante discussioni che terminavano sempre con il sorriso . Grazie Catello per quello che ci hai dato per quello che ci hai trasmesso. La comunità del Pd non ti dimenticherà mai”.

Daniele Di Martino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.