Seguici sui Social

Attualità

L’unico medico trasferito d’urgenza: malati e trapiantati di fegato lasciati in sala d’attesa

Monta la protesta dopo il caso dell’ospedale di Gragnano

Pubblicato

il

fegato

Un medico trasferito ad horas e 20 malati di fegato lasciati in sala d’attesa. Non sarebbe la prima volta. Ma è successo all’ospedale di Gragnano. Come raccontato dai presenti, mentre erano già iniziate le prime visite arriva la disposizione dei vertici dell’Asl Napoli 3: l’unica dottoressa disponibile per le visite trasferita d’urgenza al San Leonardo di Castellammare.

E’ montata la rabbia dei presenti. Anche perché saranno costretti a ripetere tutte le procedure di prenotazione, avendo già pagato tra l’altro il ticket per una visita mai sostenuta. Un danno per i tanti pazienti e soprattutto per alcuni trapiantati di fegato, lasciati di stucco questa mattina dopo la notizia del trasferimento ad horas del medico e del conseguente stop alle visite.

E non sarebbe la prima volta che un medico dell’ospedale di Gragnano viene trasferito d’urgenza a Castellammare, dove l’emergenza personale è ormai all’ordine del giorno.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.