Seguici sui Social

Attualità

Occupano abusivamente un casa a due passi dalla Reggia, il Comune ordina lo sgombero

Pubblicato

il

sgombero

Occupano abusivamente una casa di proprietà del Comune, all’ingresso della Reggia di Quisisana. I commissari ordina lo scombero. Continua l’opera di ripristino della legalità a Castellammare di Stabia, comune sciolto per infiltrazioni camorristiche.

La Polizia Municipale nel settembre del 2022, in seguito ad accertamenti compiuti su richiesta dell’ufficio patrimonio, è emerso che un’intera famiglia occupa senza alcun titolo porzione dell’immobile e relativa area antistante, di proprietà comunale posto al piano terra dell’immobile denominato ex Scuola Capasso, con ingresso adiacente la Chiesa, precisamente in Viale Ippocastani, la porta d’accesso all’area di Palazzo Reale a Quisisana.

Tra l’altro la porzione dell’immobile, compresa l’area antistante oggetto della presente occupazione abusiva, rientra nell’area di cantiere dell’intervento di sistemazione del viale di acceso alla Reggia del Quisisana – Viale Ippocastani” finanziata con fondi europei.

Il Comune quindi ordina lo sgombero quasi immediato, entro e non oltr i 7 giorni dalla data di notifica dell’atto.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.