Seguici sui Social

Attualità

Il Comune punì il locale per il concerto “abusivo” di Gabriele Esposito, ma il Tar dà ragione al Bar Caravella

Pubblicato

il

Gabriele Esposito

Il Comune aveva punito il locale della movida stabiese per aver organizzato un concerto abusivo. Un’ordinanza aveva revocato il permesso di occupazione di suolo pubblico proprio perchè quell’evento musicale si era tenuto in una struttura non autorizzata per gli spettacoli. Ma il Tar annulla tutto e condanna il Comune di Castellammare di Stabia.

Ne esce vittorioso il bar Caravella, che si era visto infliggere una multa salata di circa mille euro e la revoca del permesso ottenuto nel 2019 (per 5 anni) per l’installazione del gazebo. Il fatto risale a settembre del 2022, quando l’evento musicale mandò in tilt il traffico. Al Caravella infatti c’era uno degli artisti del momento: il cantautore napoletano Gabriele Esposito. Il caos aveva richiamato la polizia municipale, che aveva provveduto a documentare tutto, per poi arrivare a revocare la licenza con un’ordinanza dirigenziale.

Ora quell’ordinanza è stata annullata dal Tar Campania, con la sentenza depositata il primo agosto. Il Comune di Castellammare è stato anche condannato al pagamento delle spese per complessivi duemila euro.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.