Seguici sui Social

Cronaca

Sant’Antonio Abate, rifiuti incendiati: denunciati due imprenditori

Pubblicato

il

rifiuti

“Grazie all’eccellente lavoro svolto dagli agenti della Polizia Locale abatese, sono stati individuati e denunciati all’autorità giudiziaria i responsabili del rogo doloso di rifiuti avvenuto nei giorni scorsi nei pressi del Marna, a due passi dal depuratore di Scafati”. Ad annunciarlo è Ilaria Abagnale, sindaca di Sant’Antonio Abate.

L’allarme era scattato nel pomeriggio di domenica 13 agosto, in località Fosso del Mulino, dove era stato appiccato un incendio ad un cumulo di rifiuti speciali (un materasso, alcuni pannelli di mobili verniciati, una sedia) sversati illegalmente poco prima. L’incendio si era rapidamente esteso alle sterpaglie presenti in zona fino a raggiungere il vicino impianto di depurazione gestito dalla Gori, ed è stato essenziale l’intervento dei Vigili del Fuoco per domare le fiamme.

“Grazie all’acquisizione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti – spiega la sindaca Ilaria Abagnale – gli agenti agli ordini del comandante Giuseppe Capuano hanno individuato ed identificato due uomini, che sono stati denunciati”.

Si tratta di E.M. ed E.G., titolari di una attività di commercio all’ingrosso di rottami, ripresi da alcune telecamere a bordo di un motocarro per il trasporto dei rifiuti. La Polizia Locale di Sant’Antonio Abate ha provveduto a denunciare alla Procura di Torre Annunziata i due uomini per i reati abbandono di rifiuti, incendio doloso e disastro ambientale, sottolineando anche i loro precedenti per gestione illecita di rifiuti.

“Da tempo stavamo raccogliendo segnalazioni di sversamenti illeciti di rifiuti nei pressi delle sponde del Marna – afferma Ilaria Abagnale – ed avevamo messo in piedi una serie di iniziative per sensibilizzare i cittadini alla difesa dell’ambiente e alla cura della raccolta differenziata, intensificando anche i controlli sul posto. Grazie alla Polizia Locale abatese, adesso sono stati identificati i primi presunti responsabili che sono stati denunciati per reati ambientali. Il Marna e l’ambiente in generale – conclude la sindaca di Sant’Antonio Abate – sono beni preziosi che dobbiamo tutelare e difendere, per il futuro dei nostri territori e per la salute di tutti”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.