Seguici sui Social

Politica

Sottopasso, politici e commercianti dicono ancora “no” al progetto

Pubblicato

il

sottopasso

Un’altra riunione plenaria nella sede dell’Ascom sancisce un nuovo “no” al sottopasso di via Cosenza. Il primo agosto si è tenuto un incontro alla presenza dei rappresentanti dei partiti politici di Castellammare promosso proprio dall’associazione commercianti, alla luce del progetto finalmente consultabile prodotto dall’Eav.

Nonostante le rassicurazioni dell’azienda di trasporto e soprattutto dopo aver consultato tutto il fascicolo, la politica stabiese continua a dire “no”. Una risposta convinta e che sarà messa nero su bianco in un documento da inviare alla commissione antimafia che regge le sorti di Palazzo Farnese.

Il tentativo è quello di richiedere un tavolo ai commissari in tempo utile, vale a dire prima della convocazione della conferenza dei servizi annunciata per fine settembre o inizio ottobre. Così da ribadire definitivamente il “no” unanime al progetto.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.