Seguici sui Social

Attualità

Eav annuncia: “Avanti con i lavori del traforo”. Ma la nuova stazione apre solo nel 2024

Pubblicato

il

Traforo

Eav fa il punto sui lavori del traforo e della stazione Stabia Scavi. Dopo le polemiche dei giorni scorsi scatenate dopo la frana della collina di Varano, la holding regionale dei trasporti prova a rassicurare la cittadinanza.

Ieri pomeriggio è stato effettuato un sopralluogo tecnico sulla linea Torre Annunziata – Castellammare di Stabia a cui hanno partecipato tecnici di EAV, del Concessionario, della Soprintendenza e del Comune di Castellammare.

Il sopralluogo ha dapprima riguardato lo stato d’avanzamento dei lavori di realizzazione delle opere civili della nuova stazione di Stabia scavi ed annesso parcheggio sotterraneo che volgono al termine seppure fortemente interferiti dall’esercizio ferroviario che impone l’adozione di stringenti misure di sicurezza; le opere impiantistiche inizieranno prima della fine dell’anno con il termine delle opere civili e quindi la stazione sarà consegnata all’esercizio entro il primo semestre del prossimo anno.

Un’ ulteriore attenzione è stata dedicata alla costruzione del nuovo ponte San Benedetto (Ponte Persica) di attraversamento della ferrovia. Il ponte è terminato e la sua apertura è prossima non appena si esauriranno le operazioni di relazione al Genio Civile e di collaudo.
L’abbattimento delle strutture residuali del preesistente vecchio ponte ha consentito di poter disporre di una lunga estesa per quasi l’intera tratta oggetto del raddoppio di esecuzione dei lavori d’armamento.

Infine, una particolare attenzione è stata dedicata ai luoghi oggetto della vicenda franosa di qualche giorno fa in viale delle Puglie. Dal sopralluogo congiunto con i tecnici della Soprintendenza è emersa l’unanime convinzione che i lavori della realizzazione della seconda galleria sotto la collina di Varano non hanno avuto alcuna influenza ai fini dell’evento franoso che dai primi esami è da attribuirsi alla morfologia dei luoghi significativamente acclivi e all’instabilità degli alberi accentuata dal vento forte dei giorni scorsi.

Tuttavia è stato concordato che EAV e Soprintendenza stabiliranno un tavolo tecnico di confronto che affronterà gli eventi che mano a mano si dovessero presentare in uno con piano di assetto generale delle opere ferroviarie e dei ritrovamenti archeologici. I lavori quindi proseguono regolarmente. Se grazie ai lavori vi saranno ritrovamenti archeologici (che altrimenti resterebbero nel nulla per altri secoli) sarà un bene per tutti e verranno tutelati come sempre.

Infine, EAV ha preannunciato al Concessionario esecutore delle opere che a breve sarà disposta l’esecuzione delle opere di regimentazione idraulica del versante di Varano quale ulteriore misura per la sicurezza delle opere in corso e più in generale dell’intera area in passato oggetto di notevoli inconvenienti in occasione di eventi meteorici anche di modesta entità. E’ quest’ultimo un ulteriore contributo di EAV e della Regione Campania per la sicurezza generale del territorio oggetto delle opere in corso.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.