Seguici sui Social

Cronaca

Accusato di riciclaggio, scarcerato il noto ristoratore “Zi Ferdinandone”

Pubblicato

il

Tribunale-TorreAnnunziata

Accusato di riciclaggio ed estorsione, è stato scarcerato noto imprenditore. Si tratta di Giuseppe De Martino, 42 anni, titolare del ristorante “Zi Ferdinandone”, finito in manette lo scorso luglio.

De Martino è finito ai domiciliari, in attesa di un eventuale processo. Nella sua attività di B&B furono ritrovato autovetture rubate e secondo gli investigatori avrebbe fatto da intermediario con una vittima del furto per la restituzione dell’auto previo pagamento di una somma in denaro.

Un arresto che destò scalpore proprio per notorietà, non solo nell’area stabiese e gragnanese, ma in tutto l’hinterland napoletano, essendo “Ferdinandone” un noto tiktoker con un discreto seguito sui social. Da allora l’attività di ristorazione non si è mai fermata, rinunciando però alla presenza di De Martino, animatore delle serate nel locale al confine tra Gragnano e Castellammare.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.