Seguici sui Social

Cronaca

Appalto rifiuti a Pompei, perquisizioni alla ditta e finanza al Comune

Pubblicato

il

rifiuti

Nella mattinata odierna il Gruppo della Guardia di Finanza Torre Annunziata sta dando esecuzione, simultaneamente, a 3 ordini di esibizione emessi da questa Procura della Repubblica nei confronti di altrettanti Comuni del napoletano, nell’ambito di un procedimento penale, pendente nella fase delle indagini preliminari, in ordine al reato di cui all’art. 353 c.p. (turbata libertà degli incanti) relativo all’appalto del servizio di raccolta dei rifiuti.

In particolare, si sta procedendo alla notifica del suddetto ordine di esibizione ex art. 256 c.p.p. presso i Comuni di Pompei, Mugnano di Napoli e Marigliano, al fine di acquisire la documentazione inerente agli appalti, del valore complessivo di € 84.746.704,82, che i citati Enti Comunali hanno stipulato nel settore della gestione dei rifiuti urbani con la medesima società.

Parallelamente, la Guardia di Finanza sta procedendo alla esecuzione di un decreto di perquisizione locale e sequestro di ulteriore documentazione presso la sede della società aggiudicataria degli appalti su indicati nonché presso le abitazioni sia di colui che, allo stato, appare esserne l’occulto amministratore di fatto sia dei suoi figli, che invece risultano ricoprire formalmente la qualifica di soci della predetta società.

Le indagini, espletate dalla Guardia di Finanza e coordinate da questa Procura della Repubblica, hanno posto in evidenza come la società Win Ecology S.r.l., attuale affidataria del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani presso i Comuni di Pompei, Mugnano di Napoli e Marigliano- destinataria lo scorso maggio di un provvedimento interdittivo antimafia emesso dall’Autorità di Governo di Padova, ove insiste la sede legale della stessa – sarebbe di fatto la prosecuzione della società New Ecology S.r.l., precedente affidataria del medesimo servizio pubblico nel Comune di Pompei, anch’essa destinataria di analogo provvedimento interdittivo emesso dalla Prefettura di Napoli nel 2018.

La continuità tra le due società su indicate sarebbe dimostrata dalla circostanza che le stesse – oltre ad avere i medesimi beni strumentali e la stessa forza lavoro – sono amministrate di fatto dallo stesso soggetto, anch’egli destinatario in prima persona di provvedimento interdittivo, il quale, per assicurarsi comunque gli appalti di cui trattasi, eludendo le interdittive antimafia, avrebbe modificato la compagine sociale e la denominazione sociale della società, ponendo al vertice della neocostituita società un soggetto con il compito di mera rappresentanza “di facciata”.

Le predette attività, finalizzate alla verifica della regolarità dell’affidamento degli appalti pubblici e all’accertamento di eventuali indebite percezioni di provvidenze pubbliche ad opera dei soggetti aggiudicatari, sono tuttora in corso di esecuzione.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.