Seguici sui Social

Politica

Da Nicola Cuomo a Teresa Marzo, come nasce la “coalizione civica” e chi sono gli aspiranti sindaci

Pubblicato

il

coalizione

Da Nicola Cuomo a Teresa Manzo, ecco come è composta la “coalizione civica”, il primo schieramento ufficialmente in campo per il ritorno al voto a Castellammare di Stabia. In tutto sei liste per tentare la scalata a Palazzo Farnese, dopo lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche ai danni del centrodestra.

C’è il simbolo di “Bene Comune”, creatura civica guidata dall’ex sindaco Nicola Cuomo e dall’ex vicesindaco Mariarita Auricchio, un nome quest’ultimo finito nella lista dei papabili candidati a sindaco. C’è chiaramente la lista “Stabia al Centro” che fa riferimento ad Antonio Alfano, altro papabile “sindaco” che in realtà può essere considerato il padre della colazione civica.

C’è anche la new entry Teresa Manzo, ex deputata del Movimento Cinque Stelle, silurata all’ultimo momento prima della presentazione delle candidature alle ultime elezioni politiche, ispiratrice della lista “Insieme per Stabia”.

Si ripresenta il “Partito della Città”, che insieme a Stabia al Centro e Percorso Civico ha sostenuto la candidatura di Andrea Di Martino nel 2018. Questa lista è ispirata dagli ex consiglieri Nino Giordano e Michele Starace. “Percorso Civico” invece è la creatura di Ciro Di Martino, ex revisore dei conti durante la giunta Bobbio.

Si pesca ancora nel mondo sindacale con Nino Di Maio, storico dirigente della Cisl che si presenterà con il simbolo di “Svegliamoci”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.