Seguici sui Social

Attualità

Fincantieri costruisce la prima nave da crociera “green”

Pubblicato

il

fincantieri-castellammare

Fincantieri ha sottoscritto un construction loan “green” per un importo massimo di 415 milioni di euro con Intesa Sanpaolo (Divisione IMI Corporate & Investment Banking) e Cassa Depositi e Prestiti (CDP), i cui proventi saranno destinati a coprire le esigenze finanziarie legate alla costruzione della Mein Schiff Relax, la prima di due navi da crociera classe inTUItion di nuova concezione dual-fuel (Liquid Natural Gas – LNG e Marine Gas Oil – MGO) che Fincantieri sta realizzando per TUI Cruises, joint venture tra i gruppi TUI AG e Royal Caribbean Cruises. Si tratta della prima operazione in pool di questo tipo per il Gruppo.

Il finanziamento è definito “green” dato che è stata valutata l’ammissibilità del progetto di costruzione sottostante in relazione all’obiettivo di mitigazione del cambiamento climatico dettato dalla Tassonomia Europea. L’unità rientra infatti tra le “navi a basse emissioni di carbonio” e contribuisce in maniera sostanziale all’obiettivo di mitigazione del cambiamento climatico essendo (i) caratterizzata da un valore dell’indice EEDI inferiore del 10% rispetto ai requisiti EEDI applicabili ed (ii) essendo alimentata per mezzo di carburanti a zero emissioni dirette o provenienti da fonti rinnovabili.

Tale operazione rientra nel percorso tracciato dal Gruppo per la realizzazione di una nave da crociera ad emissioni nette zero.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.