Seguici sui Social

Attualità

Il pasticciotto di Gragnano, una storia lunga 73 anni

Pubblicato

il

Pasticciotto

A Gragnano si porta avanti una tradizione lunga 73 anni, il pasticciotto. Tutti conosciamo Gragnano come città per eccellenza dellenogastronomia, rinomata per la pasta, il vino, lolio, i pomodori, le ciliegie di Castello, il panuozzo, qui inventato, e per i tradizionali dolci, in particolare il pasticciotto che differisce da quello leccese per impasto e farcia, ha una forma circolare composto da una particolare pasta frolla soffice, lavorata a mano, crema pasticcera al latte e amarene.

Il maestro pasticciere Gerardo Cavaliere porta avanti questa tradizione da ben 40 anni, nella sua storica bottega nel cuore di Gragnano. Il maestro Cavaliere, classe 1957, fin da piccolo si appassiona allarte della pasticceria, alletà di 11 anni inizia a frequentare unantica bottega di pasticceria e dopo 20 anni apre un laboratorio tutto suo, il 7 dicembre 1983.

Da oltre 60 anni il maestro porta avanti la tradizione dei dolci, oltre al pasticciotto è rinomato per il panettone, i classici dolci natalizi, la millefoglie, il babà, la sfogliatella e per la sua rinomata crema pasticciera.

Il maestro Gerardo Cavaliere ci svela il suo segreto: Ho sempre lavorato duro per portare avanti una tradizione perfetta, ho sempre cercato prodotti di prima qualità per i miei dolci . Il mio lavoro è un lavoro che va fatto con cuore e passione”.

a cura di Rosario Russo

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.