Seguici sui Social

Cronaca

Marciapiedi dissestati a Castellammare, un’altra vittima dei sanpietrini 

Pubblicato

il

marciapiedi

Marciapiedi dissestati a Castellammare di Stabia. Controlli asssenti sulla qualità delle strade e dei maricapiedi da parte degli uffici preposti. Si cade spesso nelle strade stabiesi. Ennesimo episodio poco fa in via Tavernola. Anche questa volta la vittima è una donna che, a causa della strada in parte buia, non ha visto le buche causate dalla mancanza di sanpietrini ed è crollata al suolo. Immediatamente soccorsa dai passanti e da due agenti della municipale, la donna accusa dolori forti al ginocchio ed è in attesa di essere trasportata al San Leonardo per verificare evnetuali fratture.

Non solo marciapiedi, ma anche strade totalmente “distrutte” per lavori ai sottoservizi ma mai ripristinate. Purtroppo, nonostante alla guida di Palazzo Farnese ci sia una commissione prefettizia, pare che i controlli stiano passando in secondo piano. Strade al buio, o con manto totalmente distrutto e non ripristinato. A farne le spese pedoni ed automobilisti a causa della incuria degli uffici comunali e del mlassismo delle ditte esecutrici dei lavori al suolo.

Ciro Serrapica

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.