Seguici sui Social

Politica

Antonio Coppola pronto a ufficializzare la candidatura. Con lui anche un campione dello sport

Pubblicato

il

Candidatura

Il nuovo anno si apre con il botto per lo schieramento centrista di area deluchiana di Castellammare di Stabia. Due le grandi novità: il dottor Antonio Coppola, manager dell’Asl di Salerno, avrebbe sciolto tutte le riserve e dato la propria disponibilità a guidare la coalizione che sta nascendo intorno a lui. E qui siamo alla seconda novità: le liste su cui potrebbe contare sono già otto. Si tratta di alcune con esperienza elettorale in passato, altre di nuova formazione.

Prima fra tutte ci sarebbe la civica direttamente collegata ad Antonio Coppola, quella definita del sindaco: “La Nostra Castellammare”, una civica che vedrebbe fra i suoi candidati professionisti ed esponenti della società civile stabiese e qualche ex consigliere comunale. Si fanno, infatti, i nomi di Umberto Pane ex consigliere comunale, della pediatra Daniela Coppola, deldottore Francesco Comentale, il dottore Erminio Loreto e delgiovane Antonio Sagliocco, rappresentante di un gruppo di giovani universitari che hanno deciso di impegnarsi in prima persona per il futuro della città.

A correre con il manager Asl, anche “Stabia In Movimento” una lista capeggiata dal ginnasta campione di anelli, oro nell’ultima Challenge Cup di Parigi: lo stabiese Salvatore Maresca.

La giovane stella della ginnastica guiderebbe un gruppo di attivisti che come scopo primario avrebbero quello di recuperare gli spazi aperti e quelli al chiuso che Castellammare offre per lanciare un progetto sociale-sportivo che coinvolge tutte le età, dai bambini agli anziani. Un progetto per la stabia sportiva, sociale e solidale. Quella che nei decenni passati ha regalato alla città campioni olimpici divenuti leggenda, ma che ha sempre visto anche nello sport amatoriale un valore sociale da coltivare. Quella Castellammare che gli stabiesi vogliono sentire propria.

Della coalizione anche la lista di Campania Libera del più volte eletto consigliere comunale Ciro Cascone, e nella quale figurerebbero personaggi di spicco come lavvocato Casimiro Donnarumma e l’ingegnere Rosario Donnarumma.

Solo per Castellammare, con Sabrina Di Gennaro, anch’ella più volte consigliere e assessore comunale molto vicina alle posizioni dell’assessore Fortini, farebbe parte dello schieramento al quale si aggiunge una civica di nuova formazione DI Stabia”(Digitalizzazione e Innovazione Stabia) ispirata dal commercianteAngelo De Servi. Chiuderebbe il raggruppamento civico la lista animalista “Nerone Sindaco”, dedicata a quello che è ritenuto un simbolo non solo degli amici a quattro zampe, ma della città stessa, il cane Nerone che proprio con il dottor Coppola ha vissuto i suoi ultimi anni di vita.

Lo schieramento civico sarebbe, poi, affiancato da due liste di partito: Italia Viva di Nino Longobardi ex consigliere comunale,di cui farebbe parte l’avvocato Lello Vitiello, segretario regionale del partito, con alle spalle il consigliere regionale di maggioranza Francesco Iovino, e il dirigente Asl Ugo Esposito. E Più Europa, partito rappresentato dal consigliere regionale stabiese Luigi Cirillo affiancato dall’ex consigliere comunale Alfonso Lucarelli e del dipendente Asl Gennaro Nastro. Proprio Cirillo, nei mesi scorsi, fu uno dei protagonisti del tavolo dei moderati da cui ha preso forma la colazione che si stringe attorno alla leadership del manager stabiese.

La coalizione guidata da Antonio Coppola, ancor prima di elaborare il programma elettorale, avrebbe messo al centro della discussione la visione di Castellammare di Stabia che si dovrà portare avanti. Aspetto che, secondo le indiscrezioni, sarebbe stato il primo punto su cui Coppola avrebbe inciso per accettare la candidatura a sindaco. Il manager avrebbe chiesto alle liste che faranno parte dello schieramento l’impegno di ragionare in termini strategici per un cambiamento della città che parta dal breve termine, cioè dal mettere in atto tutte le azioni necessarie per ridare dignità a una città lasciata colpevolmente abbandonata, per raggiungere, poi, obiettivi a lungo termini che siano capaci di dare un futuro alla città, ai suoi giovani, agli anziani. “Innovazione e coraggio” sarebbero le parole scelte da Coppola per cominciare a ragionare sul programma elettorale aperto al contributo della cittàe delle forze sane che la rappresentano. Il candidato sindaco, infatti, avrebbe spiegato agli alleati che il tempo del tirare a campare e quello delle decisioni politiche prese in sedi altolocate e non locali sarebbe finito, perché al centro della discussione dovrà esserci solo ed esclusivamente l’interesse degli stabiesi e di Castellammare.

Non ci sarebbe ancora una data certa per presentare agli elettori la squadra che correrà alle prossime elezioni, ma il gruppo sembrerebbe propenso a organizzare una prima iniziativa già per la fine di gennaio o inizio febbraio.

Il conto alla rovescia è già iniziato.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.