Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, lancia sassi sul raccordo e contro l’auto dei carabinieri: arrestato straniero

Pubblicato

il

sassi

Lancia sassi contro le auto sul raccordo e contro i carabinieri. Arrestato straniero dopo una violenta colluttazione.

I carabinieri della sezione radiomobile di Castellammare di Stabia hanno arrestato per porto abusivo di armi e resistenza a pubblico ufficiale un 23enne di origini egiziane, senza fissa dimora.
Diverse le chiamate al 112: un uomo stava lanciando sassi alle auto in transito lungo la strada statale 145. Il giovane è stato individuato facilmente, aveva appena frantumato il parabrezza di una macchina. Tra le mani due sassi, uno di questi lanciato contro la pattuglia.

Dopo una violenta colluttazione, il 23enne è stato bloccato. Nella manica della tuta un coltello a farfalla, addosso uno scalpello, una lama senza manico, 2 frammenti di vetro e vari pezzi di ferro arrugginiti e appuntiti. Per uno dei militari lesioni ritenute guaribili in 8 giorni di prognosi. L’arrestato è stato ristretto in camera di sicurezza, in attesa di giudizio.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.