Seguici sui Social

Cronaca

I commissari chiedono i danni al clan Cesarano: Comune parte civile nel processo

Pubblicato

il

Clan
Il Gip del Tribunale di Napoli, nell’udienza preliminare di ieri, ha ammesso la costituzione del Comune di Castellammare di Stabia come parte civile nel procedimento che vede coinvolto il Clan Cesarano: 18 persone raggiunte nel luglio 2023 da ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Si tratta di 18 persone, gravemente indiziate, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, estorsione aggravata dal metodo mafioso, porto illegale di arma clandestina aggravato dal metodo mafioso, rapina aggravata dal metodo mafioso.

La richiesta di costituzione di parte civile del Comune di Castellammare di Stabia è stata motivata dagli uffici dell’Avvocatura di Palazzo Farnese per l’eclatante danno d’immagine conseguente alle fattispecie di reato (la notizia ha avuto rilevanza sui maggiori organi di stampa nazionale). Nella stessa udienza si è registrata, solo da parte del Comune di Castellammare di Stabia, la richiesta di costituzione di parte civile.

Avendo constatato di apprendere di procedimenti giudiziari particolarmente rilevanti per la comunità stabiese solo da articoli di stampa, la Commissione Straordinaria ha scritto nel novembre del 2023 alla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli: nella missiva si sottolinea “L’esigenza di tutelare l’Ente Comunale dalle ricadute che reati particolarmente gravi commessi da esponenti di clan camorristici hanno inevitabilmente sull’economia locale e sulla serena e civile convivenza che deve essere garantita ai cittadini stabiesi” e si sollecita quindi “la trasmissione di ogni opportuna comunicazione e/o notificazione all’ente comunale in relazione a tutti quei procedimenti penali aventi ad oggetto fattispecie delittuose particolarmente gravi affinchè si possa procedere alla formale richiesta di ammissione di parte civile entro i termini di legge”. Il 24 gennaio pv sarà presentata una nuova istanza di costituzione di parte civile nell’ambito di un altro processo di camorra.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.