Seguici sui Social

Cronaca

Infermiere picchiate, il prefetto dispone il drappello di polizia al San Leonardo

Pubblicato

il

Prefetto
Il Prefetto di Napoli, Michele di Bari, ha presieduto in data odierna, presso il Palazzo di Governo, una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, nel corso della quale è stata affrontata la tematica connessa ai recenti episodi di aggressione al personale sanitario.
All’incontro hanno partecipato, oltre all’Assessore alla Sicurezza del comune di Napoli e ai vertici delle Forze dell’ordine, il Direttore Generale per la tutela della salute e il coordinamento del sistema sanitario della Regione Campania e i Direttori Generali delle AA.SS.LL. Na 1, Na 2 Nord e Na3 Sud, delle Aziende Ospedaliere del Cardarelli, dei Colli “Monaldi-Cotugno-C.T.O.”, della II Università degli studi 1° e 2°Policlinico, del Santobono – Pausilipon, della Fondazione “Pascale” e della Centrale Operativa 118 nonché i Presidenti dell’Ordine dei Medici e delle Professioni Infermieristiche.
Si sintetizzano le proposte emerse dalla riunione.
Ai quattro drappelli già attivi presso altrettanti nosocomi cittadini, saranno aggiunti, nell’immediato, ulteriori due drappelli di Polizia presso gli ospedali S. Paolo di Napoli e S. Leonardo di Castellammare di Stabia, non escludendo la possibilità di ulteriore impiego di personale per un’adeguata tutela dei diversi presidi ospedalieri, previa verifica, della disponibilità logistica.
Contestualmente i singoli presidi sanitari diventeranno obiettivi sensibili con caratteristiche di priorità e pertanto, allo scopo di aumentare la sicurezza, saranno intensificati i controlli, anche attraverso frequenti passaggi e soste delle pattuglie delle Forze dell’ordine, attuando un attento monitoraggio degli accessi a tutti i nosocomi cittadini e dell’area metropolitana.  Sarà incrementata inoltre  la collaborazione tra i presidi territoriali delle Forze di Polizia e le Direzioni Ospedaliere per agevolare il più tempestivo intervento a chiamata, anche attraverso l’aumento delle linee telefoniche dedicate punto a punto e l’implementazione del numero dei sistemi di videosorveglianza presso i pronto soccorsi e sulle ambulanze.
E’ stato convenuto inoltre di proseguire le attività relative alla specifica formazione del personale delle aziende sanitarie a maggiore contatto con l’utenza, affinchè sia migliorata anche la comunicazione con il pubblico, nonché l’acquisizione dai Direttori delle Aziende Ospedaliere, di report aggiornati sugli episodi di violenza verificatisi, al fine dell’introduzione degli opportuni correttivi.
Il Prefetto ha espresso il proprio ringraziamento alle Forze dell’ordine per l’incessante attività svolta, ai medici ed al personale impegnati in contesti a volte molto difficili e ha altresì preso atto dell’impegno profuso dalla Regione Campania che impiega  quotidianamente agenti degli istituti di vigilanza privata a tutela del patrimonio aziendale, della sicurezza del personale sanitario, dei degenti e dei loro familiari.
All’odierno  tavolo di concertazione interistituzionale seguiranno riunioni di monitoraggio con cadenza periodica, allo scopo di verificare lo stato di attuazione di tutte le iniziative programmate d’intesa tra tutti i soggetti interessati.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.