Seguici sui Social

Cronaca

Inquinamento fiume Sarno, vernici nel sottosuolo: sequestrata azienda di Pompei

Pubblicato

il

azienda

Nella mattinata odierna, i Carabinieri del Comando Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dall’Ufficio GIP del Tribunale di Torre Annunziata, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno proceduto al  sequestro di un’azienda, nel Comune di Pompei, il cui legale rappresentante è ritenuto responsabile dei reati di cui all’art. 452 bis co. 1 (inquinamento ambientale) e all’art. 137 (scarico abusivo di reflui industriali) del Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152/2006).

In particolare, le indagini, espletate dai Carabinieri del NOE di Napoli, che si sono avvalsi della essenziale collaborazione tecnica dell’ARPAC, e coordinate dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno permesso di accertare che le attività della ditta” SUPERPLASTIK s.r.l.” di Pompei, operante nel settore della produzione/lavorazione e successiva verniciatura delle plastiche, si sarebbe svolta in violazione della normativa ambientale in materia di scarico dei reflui nei corsi d’acqua e di gestione dei rifiuti, con conseguente grave inquinamento della matrice suolo e della falda acquifera.

Nello specifico i militari del NOE di Napoli, nel corso di reiterati controlli, hanno accertato che le acque di dilavamento dei piazzali, ove erano abusivamente stoccate vernici coloranti e varie tipologie di rifiuti da smaltire, confluivano in alcune griglie di raccolta, la cui destinazione finale risultava essere costituita da 2 pozzi a dispersione nel sottosuolo. Quanto allo stato della qualità delle acque reflue, i risultati biologici delle analisi  ARPA hanno palesato elevate concentrazioni di idrocarburi pesanti, che, presentando scarsa solubilità in acqua, provocavano l’accumulo delle stesse nel sottosuolo con gravi effetti tossici.

Le indagini chimico – fisiche sui pozzi in questione hanno evidenziato la contaminazione, derivante appunto dal dilavamento di sostanze pericolose, a causa del deposito incontrollato e dell’abbandono di rifiuti urbani indifferenziati e speciali, anche pericolosi, su aree non pavimentate, della stessa matrice suolo/sottosuolo e, circostanza ancor più grave, delle acque di falda, il cui lento deflusso avveniva verso l’alveo del fiume Sarno e dunque verso il mare.

I militari del NOE, inoltre, hanno potuto accertare, quale elemento sintomatico della assoluta mancanza di sensibilità per la tutela dell’ambiente da parte dell’indagato, che, nonostante le prescrizioni già impartite a seguito di un precedente controllo, nel cui contesto erano state ravvisate analoghe violazioni,  alle stesse non  era stato  dato alcun seguito.

Il provvedimento cautelare reale odierno, resosi necessario al fine di evitare la compromissioone ulteriore dell’ambiente circostante e del fiume Sarno, si inserisce in una più ampia e articolata  attività  investigativa condotta in modo capillare dai Carabinieri del Gruppo di Napoli del Comando Tutela Ambientale e Sicurezza Energetica, avvalendosi della collaborazione tecnica dell’ARPAC, e tutt’ora in corso di svolgimento, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, finalizzata ad accertare e a rimuovere le cause dell’inquinamento del fiume Samo e dei suoi tributari, avente ad oggetto le aziende  ubicate  nel  territorio del bacino idrografico di detto corso d’acqua, al fine di individuare gli scarichi abusivi dei reflui industriali recapitanti direttamente e indirettamente nel fiume Sarno ed interrompere le attività illecite che influiscono sullo stato di salute di tale corso d’acqua, senza, peraltro, trascurare il rilevante impatto negativo  sullo  stesso,  provocato dagli scarichi fecali di alcuni Comuni, tuttora privi di rete fognaria e/ o non ancora colletta ti ai depuratori esistenti.

La suddetta attività investigativa ha condotto sinora, per la sola Procura di Torre Annunziata, all’effettuazione di 298 controlli (dei quali 158 con esito di non conformità), all’adozione di 46 provvedimenti di sequestro, totale o parziale, di aziende o di impianti produttivi, alla irrogazione di 29 sanzioni amministrative, alla denuncia in stato  di libertà di 171 persone e all’arresto di 2 persone per una pluralità di reati in materia ambientale, tra cui anche quello di inquinamento ambientale, a fronte di un totale complessivo, riferito all’intero bacino idrografico del  fiume Sarno, comprensivo anche delle attività coordinate dalla Procure della Repubblica di Avellino e Nocera Inferiore, di 535 controlli (279 dei quali con esito non conforme), 90 provvedimenti di  sequestro,  totale  o parziale, di aziende o di impianti produttivi, 84 sallzioni amministrative irrogate, 312 persone  denunciate in stato di libertà e 7 persone arrestate per una pluralità di reati in materia ambientale.

 




Cronaca

Gragnano, trovate pistole e munizioni in un tombino

Pubblicato

il

azienda

La Compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia ha sequestrato 3 pistole con matricola abrasa e 23 proiettili, abilmente occultati in un tombino nei pressi di un condominio a Gragnano.

In particolare, le Fiamme Gialle, nel corso di un’attività di controllo economico del territorio, notavano un tombino non perfettamente chiuso, nel quale si intravedeva un sacchetto in cellophane.

I militari, dopo aver rimosso il tombino, riscontravano che all’interno della busta erano abilmente occultate 3 pistole (modello Walter P38, Beretta 7,65 e Astra Magnum 357), con relativi caricatori e 23 proiettili complessivi.
Le armi da fuoco, perfettamente funzionanti e con le matricole abrase per non essere identificate, sono state tempestivamente poste sotto sequestro.




Continua a leggere

Cronaca

Chiusa al traffico via Panoramica da lunedì a mercoledì

Pubblicato

il

azienda

⛔️ CONDOTTA IDRICA, CHIUSURA AL TRAFFICO DI VIA PANORAMICA
Dopo il grave incidente del 20 giugno scorso, per permettere ai tecnici della GORI di procedere alla sostituzione di un tratto della tubazione di 60 centimetri di diametro per una lunghezza di 50 metri lineari nella zona di Pozzano a Castellammare sul fianco del ponte, dalle ore 8.00 di lunedì 22 alle ore 23.00 di mercoledì 24 luglio sarà interdetta la circolazione lungo via Panoramica in entrambi i sensi di marcia. Resta interdetta anche via Acton. Il traffico da e verso la Penisola Sorrentina sarà garantito solo attraverso la Galleria Santa Maria di Pozzano.




Continua a leggere

Attualità

Svaligiata tabaccheria: E’ allarme sicurezza

Pubblicato

il

azienda

La sicurezza ormai a Castellammare, stando ad alcuni fatti di cronaca degli ultimi giorni, sembra diventata una chimera.

Ultimo, in ordine di tempo, un furto in una tabaccheria di via Cosenza. Nella notte, alcuni uomini si sono introdotti all’interno del locale scardinando la saracinesca. Grazie all’allarme, che subito è entrasto in funzione, i ladri hanno asportato la cassa automatica e sembrerebbe nient’altro.

Un copione che si ripete, come i furti di auto e moto piuttosto che una lite o un’aggressione che poi potrbebe culminare in una sparatoria. Purtroppo è quello che si vive in città di sera, nelle ore tarde di questa estate afosa. Poche forze dell’ordine in giro e pochissimi controlli. Qualche timido segnale prova a darlo la municipale con due turni fino alle due di notte. Naturalmente i restanti 5 giorni si torna ai turni normali.

Ormai i controlli a Castellammare sono quasi inesistenti. Non è difficile notare, in una piazza caotica ed ingolfata, le forze dell’ordine che transitano e non regolano sosta e traffico. Traffico, sosta, parcheggio abusivo, “gare abusive”, furti, aggressioni: questo offre la notte Castellammare. E senza controlli.




Continua a leggere

Cronaca

Tenta un cavallo di ritorno, in manette 34enne stabiese

Pubblicato

il

azienda

I data odierna i Carabinieri della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Castellammare di Stabia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in Carcere emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura della Repubblica, hanno proceduto all’arresto di un 35enne Stabiese gravemente indiziato del reato di estorsione aggravata.

L’indagato, già sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è indiziato di aver commesso un’estorsione aggravata, il cosiddetto cavallo di ritorno.

L’odierno arrestato avrebbe costretto un uomo di Pagani a consegnargli al somma di euro 2.000 allo scopo di ritrovare e non perdere definitivamente l’autovettura della madre, ni precedenza rubata.

Il veicolo era stato oggetto di furto il 18 ottobre 2023 a Castellammare di Stabia da parte di ignoti ed era stato rinvenuto, danneggiato parzialmente, a distanza di solo un giorno, dalla vittima nel Comune di Santa Maria la Carità.

L’odierno arrestato avrebbe agito noncurante della misura di prevenzione in atto nei suoi confronti. Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno subito una svolta grazie all’analisi delle immagini di videosorveglianza, alle testimonianze raccolte e alle attività tecniche.

L’indagato, all’esito delle formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Napoli Poggioreale Salvia.




Continua a leggere

Cronaca

Si schianta contro un palo della luce, senza scampo 23enne

Pubblicato

il

azienda

Si schianta contro un palo della luce, senza scampo un 23enne. Tragedia nella notte in penisola sorrentina, in via Alberi a Meta di Sorrento.

Poco prima delle ore 4 e per cause ancora in corso di accertamento, un 23enne in sella al proprio scooter perdeva il controllo del mezzo impattando contro un palo dell’illuminazione pubblica. Il giovane è stato trasferito nell’ospedale di Sorrento dove è deceduto.

I carabinieri della stazione di Piano di Sorrento indagano sull’incidente mortale di via Alberi.

 

 




Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, fermato il pistolero di viale Europa. Era irreperibile da giorni

Pubblicato

il

azienda

Fermato il pistolero di viale Europa. Gli agenti del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia, in esecuzione di un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, ha proceduto al fermo di un soggetto, gravemente indiziato del delitto di tentato omicidio aggravato commesso a Castellammare di Stabia lo scorso 11 luglio.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica oplontina ed espletate da personale del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia, hanno permesso di cristallizzare un grave quadro indiziario nei confronti del soggetto fermato in merito alla sparatoria in pieno centro cittadino.

L’indagato, in orario serale, per contrasti con un conoscente relative ad una comune vicenda giudiziaria, avrebbe affrontato quest’ultimo ed estratto una pistola, con la quale avrebbe esploso un colpo in direzione del malcapitato, che veniva attinto al torace. L’indagato avrebbe tentato di esplodere un secondo colpo d’arma da fuoco contro la vittima,
non riuscendovi essendosi inceppata la pistola.

Immediatamente dopo l’uomo fermato quest’oggi faceva perdere le proprie tracce. I fatti si consumavano in una strada cittadina affollata ed a poca distanza dall’ospedale. La vittima, immediatamente soccorsa, veniva prima ricoverata presso l’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia e successivamente trasferita presso l’ospedale del Mare di Napoli dove veniva sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.

L’analisi delle immagini registrate dagli impianti di video sorveglianza sul luogo del consumato delitto e l’esame delle persone informate dei fatti hanno consentito agli inquirenti di ricostruire gli eventi e di raccogliere un grave quadro indiziario nei confronti del fermato, il quale risponde anche dei reati di porto e detenzione illegale di arma comune da sparo.

Il provvedimento precautelare emesso d’urgenza da questa Procura della Repubblica si è reso necessario per la gravità della condotta delittuosa e per il pericolo di fuga del fermato, atteso che nel corso della stessa notte degli eventi e nei giorni successivi lo stesso era stato ricercato invano dalla polizia presso la sua abitazione e nei luoghi solitamente frequentati.

Successivamente al fermo, nel corso delle operazioni di fotosegnalamento, l’indagato spontaneamente indicava agli investigatori il nascondiglio dell’arma utilizzata per commettere il tentato omicidio. Pertanto i poliziotti stabiesi, recatisi nel luogo indicato dal fermato, riuscivano a rinvenire un’arma da sparo, replica di un’arma opportunamente modificata in modo da renderla atta ad esplodere proiettili di un calibro compatibile con quello del proiettile che ha attinto la vittima nella sera dell’ 11 luglio. All’esito delle formalità di rito, il fermato è stato associato alla Casa Circondariale di Napoli
Poggioreale “Salvia”.




Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, controlli tra lidi balneari e movida. Il bilancio del week end

Pubblicato

il

azienda

Continuano i controlli da parte degli agenti della Polizia Municipale di Castellammare di Stabia. Nel weekend sono state elevate circa 50 sanzioni.

I controlli, previsti nell’ambito del ‘Progetto Sicurezza’, che prevede la presenza degli agenti fino alle 2 di notte nei giorni di venerdì e sabato, e fino alle 24 la domenica, nell’area della Villa Comunale fino a Piazza Giovanni XXIII, e nelle giornate di sabato e domenica anche nella zona dei lidi balneari, sono stati eseguiti anche grazie all’ausilio delle telecamere “Street Control”.

Sono state elevate 45 contravvenzioni per diverse violazioni del codice della strada, 5 verbali per assenza di revisione e 2 per mancanza di documenti.

 




Continua a leggere

Cronaca

Agerola: Controlli anti droga dei carabinieri. Padre e figlio in manette

Pubblicato

il

azienda

Giornata di controlli ad Agerola per i carabinieri della locale stazione che nell’ambito del servizio “Continuum Bellum 2” con lo squadrone eliportato cacciatori carabinieri di Calabria hanno arrestato 2 persone.

Si tratta di un uomo di 46 anni e di suo figlio 20enne, sono entrambi incensurati e del posto. I militari hanno perquisito l’abitazione dei 2 e lì hanno rinvenuto e sequestrato 5 buste con all’interno complessivamente 730 grammi di marijuana. La droga era nascosta in un locale attrezzi.
Gli arrestati sono in attesa di giudizio




Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, spari nella notte dopo una lite: ferito 54enne

Pubblicato

il

azienda

Spari dopo una lite, ferito 54enne di Castellammare di Stabia. Nella tarda serata di ieri, in seguito a un furioso litigio avvenuto in viale Europa, è spuntata una pistola. Poi gli spari e il ferimento di uno dei protagonisti del violento alterco.

L’uomo sarebbe rimasto ferito gravemente, infatti è stato poi trasferito all’ospedale del Mare di Ponticelli. Resta in gravi condizioni,  ma non sarebbe in pericolo di vita.

Sul caso indaga l”investigativa del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia.

 




Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, un altro incidente sulla strada Panoramica: un ferito

Pubblicato

il

azienda

L’ennesimo incidente sulla strada Panoramica di Castellammare di Stabia. Le vie del mare sono ormai congestionate e il rischio di sinistri è sempre più probabile. Questo pomeriggio si sono scontrati un Van e uno scooter. Ad avere la peggio il centauro in sella al ciclomotore.

Il bilancio è di un solo ferito, trasportato al vicino ospedale San Leonardo. Traffico paralizzato per molto tempo sulla strada che collega il raccordo autostradale con i lidi stabiesi e la penisola sorrentina.

azienda




Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.