Seguici sui Social

Politica

Ospedale nelle Terme, la commissione: “Puntiamo a non demolire lo stabilimento”

Pubblicato

il

Terme

Rispetto alla eventuale demolizione della struttura delle Nuove Terme, la commissione straordinaria precisa che l’argomento è oggetto di confronto tra la Regione Campania e la Soprintendenza come emerso nel corso della Conferenza dei Servizi convocata il 16 gennaio scorso a Palazzo Santa Lucia, su richiesta del Comune di Castellammare di Stabia, con l’obiettivo di arrivare ad un Accordo di Programma che consenta la realizzazione del nuovo ospedale.

All’ordine del giorno c’è la possibilità di conservare gli elementi architettonici dello stabilimento del Solaro abbandonato da anni.

La precisazione arriva in merito a un articolo comparso su Metropolis in cui esperti si dichiarano contro alla demolizione degli edifici progettati da Carlo Chiocchia, architetto che ha realizzato sia lo stadio San Paolo (ora Maradona) che la mostra d’Oltremare.

“La visione strategica a cui si fa riferimento nell’articolo – dice la Commissione Straordinaria- è chiaramente sottesa nell’attività portata avanti per mantenere a patrimonio comunale Villa Ersilia e soprattutto il Complesso del Parco Idropinico. E ’evidente che una “auspicabile” attenta politica di rilancio del territorio non potrà non tener conto della possibilità di integrare le funzioni del nuovo ospedale da una parte e del Parco Idropinico dall’altra”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.