Seguici sui Social

Cronaca

Pimonte, scoperto un laboratorio artigianale per fare proiettili

Pubblicato

il

Proiettili

Un piccolo laboratorio per confezionare proiettili. Questo è quello che hanno trovato i carabinieri della stazione di Pimonte nel corso di una perquisizione nell’abitazione di Italo Donnarumma.

Ogive bossoli, inneschi e pezzi di armi da fuoco. C’era di tutto. Torni, trapani a colonna, flessibili e ciò che serve per mozzare le canne e punzonare le matricole.
Ci sono volute ore per catalogare l’intero campionario.

Nel bilancio una pistola artigianale funzionante, 33 caricatori, 2 cartucce per fucile, 10 proiettili di vario calibro, oltre mezzo chilo di polveri da sparo.
Non solo armi, anche droga. In casa i militari, supportati dai colleghi del reggimento Campania e dal fiuto di un cane del nucleo cinofili di Sarno, hanno trovato quasi 400 grammi di marijuana e materiale per il confezionamento.

Donnarumma, 57enne già noto alle forze dell’ordine, è stato portato in carcere in attesa di giudizio.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.