Seguici sui Social

Politica

È giallo sull’appello dei cento a Castellammare, decine di intellettuali si sfilano

Pubblicato

il

Appello

È giallo sull’appello dei cento. Dopo la diffusione del documento, firmato da appunto cento tra intellettuali, professionisti e magistrati di Castellammare di Stabia, inizia già a scricchiolare il manifesto degli intellettuali di sinistra.

In realtà, molti non erano a conoscenza che quel documento era in sostegno della candidatura di Gigi Vicinanza. In effetti, come spiegato da diversi firmatari, l’hanno appreso solo dalla stampa. C’è poi da dire che il tam tam di adesioni sarebbe avvenuto via whatsapp, quindi senza apporre le firme in calce al documento.

Sono tanti i firmatari che hanno provato a giustificarsi con gli altri contendenti alla fascia tricolore, spiegando di aver sottoscritto l’appello solo per il contenuto e non con la finalità di sostenere un preciso candidato.

A questo punto sembrerebbe un autogol. Tanto che il Pd stabiese, che da sempre sostiene la soluzione di una candidatura interna al partito, ha lanciato un contro appello per coinvolgere direttamente il gruppo di intellettuali stabiesi. Magari chiedendo loro di candidarsi e lanciare le liste dei “migliori” nell’ambito dell’alleanza del centrosinistra.

Alberto Cimmino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.