Seguici sui Social

Cronaca

Omicidio Fontana, due quartieri sotto assedio: ore contate per il killer

Pubblicato

il

omicidio

Due quartieri sotto assedio. Carabinieri e polizia continuano nei controlli dopo l’omicidio Fontana. A questo punto prende corpo l’ipotesi che l’uccisione di Alfonso Fontana sia stata maturata sul territorio stabiese, anche se materialmente compiuta a Torre Annunziata la sera del 7 febbraio scorso.

L’impressione è che la svolta nelle indagini sia molto vicina. Dai video acquisiti, gli investigatori potrebbero dare un volto ai killer, che hanno agito in scooter e con molta disinvoltura. Nel frattempo aumentano i controlli nei quartieri nel mirino dei militari. Da questa mattina i controlli sono serrati al rione Savorito, nelle palazzine dell’ex Aranciata Faito. Mentro la polizia sta ispezionando il quartiere Acqua della Madonna, dove risiedeva la vittima insieme alla sua famiglia.

Nelle prossime ore, quindi, potrebbe arrivare la svolta e dare un volto al killer e al suo complice. Le ore sono contate.

Alberto Cimmino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.