Seguici sui Social

Ultime Notizie

Castellammare, case abusive realizzate su una villa interrata dell’antica Stabia. Scatta il sequestro

Pubblicato

il

Castellammare

In data 28 maggio 2024 la Polizia Municipale di Castellammare di Stabia, unitamente ai Carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata, distaccati presso la Procura della Repubblica, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta di questa Procura della Repubblica, ha proceduto al sequestro di alcuni immobili si via Passeggiata Archeologica numero 3 (catastalmente individuata al foglio n. 6, p.lla 1829), realizzati abusivamente da privati su un’area di proprietà del Demanio.

Dale indagini condotte dalla Procura è emerso che sull’area, di proprietà del Parco Archeologico di Pompei, erano stati realizzati abusivamente, in epoche diverse, alcuni immobili ad uso abitativo, oggetto di un’ordinanza comunale di rimozione, alla quale non era stata data ottemperanza, nonché erano stati depositati rifiuti in maniera incontrollata. L’area caduta in sequestro risulta delimitata da un muro di cinta, costituito da blocchi di lapilcemento con sovrastante rete metallica, realizzato sopra un muro di epoca romana, costituito da “mura antiche in opera reticolata nella parte inferiore e con imposta superiore ad archi rovesci in blocchetti di tufo rettangolari”, come riscontrato dai saggi eseguiti durante uno dei sopralluoghi della polizia giudiziaria e dei funzionari del Parco Archeologico di Pompei.

Il muro romano intercettato, da un’analisi delle planimetrie e delle immagini d’archivio conservate presso il Parco Archeologico di Pompei, appare identificabile nel muro ad archi rovesci che delimitava uno dei lati della “Villa del Pastore”, allo stato attuale interrata, sulla cui superficie insistono numerosi altri abusi edilizi, oltre a quello oggetto del sequestro. Gli abusi edilizi accertati sono stati realizzati su un’area di proprietà del Demanio “Parco Archeologico di Pompei”, in assenza di titoli, ni zona sismica, soggeta a vincolo paesaggistico, ricadente, secondo li vigente P.R.G., in parte, in zona F 7 (A) – Parco Urbano Archeologico, nella quale qualsiasi intervento privato o pubblico di edificazione (ad eccezione di ristrutturazioni, modifiche interne e sopraelevazioni), sbancamento, movimento di terra, terrazzamento o di azione nel sottosuolo, è soggetto al preventivo nulla osta da parte della Soprintendenza Archeologica di Pompei, e in parte in Zona F 13 zona archeologica, nella quale non sono consentiti interventi di nuova costruzione, fatti salvi quelli relativi ad opere finalizzate alla conservazione e valorizzazione dei beni archeologici, da eseguirsi o promossi da amministrazioni statali e/o enti territoriali.

L’area e le opere abusive realizzate sulla stessa, poste in sequestro, sono state affidate incustodia al Parco Archeologico di Pompei.

 




Cronaca

Auto piomba sul marciapede, investita una donna

Pubblicato

il

Castellammare

Perde il controlli dell’auto e finisce sul marciapiede investendo un pedone.

È accaduto in via Bonito a Castellammare di Stabia, poco fa. All’altezza dell’ufficio postale, un giovane alla guida di un’ utilitaria ha perso il controllo andando a sbattere contro un albero ed un palo della pubblica illuminazione per poi investire anche un pedone.

Sul posto i carabinieri della compagnia di Castellammare per stabilire la dinamica. Intanto per il pedone investito si è reso necessario l’intervento dei sanitari del 118 e successivo trasferimento in ospedale.

Via Bonito è purtroppo spesso teatro di invasioni di marciapiedi da auto in sosta oppure che attraversano per giungere sulle banchine alle spalle del Montil.  Dissuasori diventi o “mobili” che purtroppo, oggi, non hanno frenato la.corsa dell’utilitaria.




Continua a leggere

Politica

Castellammare, invasione di ratti. Vicinanza subito operativo: “Domani la derattizzazione”

Pubblicato

il

Castellammare

Subito operativo. Il neo sindaco di Castellammare di Stabia, Gigi Vicinanza, appena insediatosi a Palazzo Farnese ha disposto subito un’opera massiccia di derattizzazione. E’ chiaro il riferimento alla notizia di cronaca che riguarda un ragazzino morso da un ratto in villa comunale.

Nella giornata di domani, sabato 15 giugno, tutto il territorio comunale di Castellammare di Stabia sarà interessato da un intervento di derattizzazione e disinfestazione. Secondo quanto comunicato dall’ufficio stampa, si tratta del primo atto sollecitato dal neo sindaco Luigi Vicinanza, anche a seguito delle recenti segnalazioni fatte dai cittadini stabiesi.




Continua a leggere

Politica

Castellammare, inizia l’era Vicinanza. Gli applausi accompagnano l’addio della commissione anticamorra

Luigi Vicinanza, il nuovo sindaco di Castellammare: “Subito quotidianità e sviluppo”

Pubblicato

il

Castellammare

Cannizzaro saluta tutti a Palazzo Farnese e lascia posto a Gigi Vicinanza, eletto sindaco di Castellammare di Stabia con oltre il 65% di preferenze. Questa mattina il passaggio di consegne al Comune, subito dopo la proclamazione del nuovo primo cittadino.

Inizia una nuova era per Castellammare, dopo le macerie lasciate dallo scioglimento per infiltrazioni camorristiche. Due anni in cui la democrazia è stata sospesa e un capitolo giudiziario-amministrativo su cui non si è ancora scritta la parola fine.

Vicinanza in carica

E’ da subito operativo il sindaco e si attendono le prime disposizioni e i primi atti, nonché la nomina della giunta comunale. Da questo momento in poi la commissione straordinaria esce totalmente di scena, lasciando il posto alla politica, anche se potrà intervenire in questa fase di transizione con delibere commissariali per atti di urgenza per eveitare eventuali danni (anche erariali) per l’ente comunale.

Vicinanza ha da sempre dichiarato di voler mettere al primo posto dell’agenda politica la quotidianità, anzi di creare un doppio binario con la programmazione delle grandi opere. Ma è notizia proprio di stamane la disavventura di un ragazzino di 12 anni in villa comunale, a Castellammare di Stabia, morso da un ratto mentre beveva da una fontanina. I cittadini, soprattutto sui social, chiedono al nuovo sindaco di intervenire subito per una massiccia opera di derattizzazione sul lungomare. C’è poi la questione legata alla manutenzione del verde in città, urgente nei quartieri periferice, con erbacce ovunque.

L’insediamento del sindaco di Castellammare

Visibilmente emozionato Gigi Vicinanza quando il prefetto Cannizzaro gli ha consegnato la fascia tricolore: «Sento la responsabilità del ruolo che mi impegnerò a svolgere con disciplina e onore – ha detto davanti a tanti consiglieri comunali presenti – Questa fascia è un impegno con l’intera città, un grande impegno. Sento la fiducia che mi è stata conferita dai cittadini, oltre 22400 stabiesi mi hanno votato, ci hanno votato, solo Polito nel 1997 ottenne una percentuale più alta.

Abbiamo anche incrementato il numero dei votanti in una fase in cui i votanti sono in calo. E’ un segno di fiducia ed attenzione. Io, insieme a chi mi ha sostenuto, abbiamo un grande compito, quello di dare dignità al dibattito politico, dare credibilità all’azione amministrativa, infondere fiducia nelle istituzioni».

Il primo atto

Vicinanza potrebbe subito firmare un decreto di revoca del divieto di balneazione della spiaggia a sud di Marina di Stabia. Dai dati Arpac i nuovi prelievi sembrano positivi e quindi dovrebbe arrivare il via libera a quella zona di costa presa d’assalto dai bagnanti locali. Vicinanza ha infatti lasciato trasparire una certa soddisfazione, anche perchè la balneabilità è stato un cavallo di battaglia della sua campagna elettorale: «La Grande Stabia è un sogno, una visione, ma la vogliamo trasformare in atti concreti.

Dobbiamo lavorare su un doppio binario: quotidianità e progettualità. Bisogna restituire a Castellammare i suoi asset: il mare, il Faito, e terme incredibilmente chiuse, al patrimonio archeologico non secondo a nessuno e al cantiere navale. Ringrazio la commissione straordinaria per il lavoro svolto, hanno operato per il ripristino della legalità, il ripristino della legalità per cui dobbiamo lavorare tutti insieme, non dobbiamo lasciare spazio alla criminalità, per loro in questa città non deve esserci spazio», ha concluso Gigi Vicinanza, che da oggi siede sulla poltrona più importante di Palazzo Farnese.

A lui l’onore e l’onere di risollevare le sorti di Castellammare di Stabia. Una città che ha un bisogno impellente di normalità e serenità, cura e abnegazione. Quello che è mancato finora e quello che chiede la città vista la grande partecipazione alle elezioni di sabato e domenica scorsa. Inizia un nuovo capitolo per Castellammare.

 




Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, ragazzino morso da un ratto in villa comunale

Pubblicato

il

Castellammare

Un ragazzino morso da un ratto. È accaduto in villa comunale, a Castellammare di Stabia. L’invasione di roditori non solo aveva indignato la cittadinanza, ma aveva attirato anche le attenzioni della campagna elettorale tant’è che il neo sindaco Luigi Vicinanza, che oggi si insedia a palazzo Farnese, aveva messo come priorità la derattizzazione dell’intero lungomare.

Come racconta Metropolis nell’edizione di stamane, lunedì sera un ragazzino di 12 anni, mentre era intento a bere da una fontana, sarebbe arrivato in contatto con un ratto. Il ragazzino è stato poi portato al pronto soccorso per una puntura di antitetanica.




Continua a leggere

Attualità

Festival del Panuozzo 2024: a Gragnano dal 23 al 25 giugno

Pubblicato

il

Castellammare

Una tre-giorni per celebrare il Panuozzo di Gragnano in quella che è la sua patria. Si presenta così il Festival del Panuozzo 2024, in scena da domenica 23 a martedì 25 giugno prossimi nella location di via Quarantola a Gragnano.

A partecipare saranno 10 attività facenti parte dell’Associazione Pizza e Panuozzo di Gragnano, nata nel 2019, frutto di una sinergia tra imprenditori locali e guidata dal presidente Camillo Arpaia. Oltre ai 10 stand tradizionali, ce ne sarà anche uno gluten free.

“Dopo la festa del vino e l’imminente kermesse riservata alle ciliegie – a parlare è il vicesindaco di Gragnano, Andrea Gaudino – la nostra città si appresta a celebrare anche il panuozzo. L’amministrazione comunale ha da sempre puntato sul turismo enogastronomico e proprio la sinergia messa in campo tra imprenditori del settore e istituzioni ci sta consentendo di raggiungere importanti risultati sotto quest’aspetto”.

Per Camillo Arpaia, invece, “l’obiettivo del Festival, oltre a far venire a Gragnano quante più persone ad assaggiare questa prelibatezza, è quello di tutelare il vero Panuozzo gragnanese dai tanti tentativi di contraffazione che potrebbero fuorviare i consumatori. A tal proposito, va ricordato il riconoscimento del Ministero delle Imprese del Made in Italy che, il 29 agosto 2023, ha concesso la registrazione al marchio collettivo Panuozzo di Gragnano. Un marchio concesso all’esame approfondito del regolamento d’uso, che disciplina le modalità di produzione e somministrazione del panuozzo”.

L’evento, con la direzione artistica di Loredana Di Nola, è stato presentato durante una conferenza stampa svoltasi all’Hotel Parco ed è organizzato dalla stessa Associazione Pizza e Panuozzo di Gragnano con il patrocinio del Comune.

Durante le serate sono previsti momenti di intrattenimento per grandi e piccini: bosco incantato, artisti di strada, musica folkloristica e tantissime sorprese, che accompagneranno i visitatori nella degustazione dei panuozzi, street food di eccellenza nato a Gragnano oltre quarant’anni fa.

Infatti, il panuozzo è conosciuto e consumato ormai dagli anni ’80, anche se già negli Scavi di Ercolano e Pompei sono stati ritrovati forni di grandi misure, con una rosa al centro, che stanno a testimoniare come il territorio del Napoletano conoscesse le tecniche di panificazione già 2000 anni fa e gli abitanti del tempo producessero qualcosa di molto simile allo stesso panuozzo, ma condito con sugna e pepe.  Dieci i locali gragnanesi avranno uno stand all’interno del percorso del Festival del Panuozzo: si tratta di Luigi O furnar, Pascarlì, Da Iolanda 1989, Il Tempio, Pizza pazza, Valle dei Mulini, O presidente, Mascolo 1982, Mala in grano e Mascolo 1995, che gestirà anche l’area dedicata al panuozzo Senza Glutine. Tutti prepareranno panuozzi con farciture “special” pensate per l’edizione 2024 del Festival.




Continua a leggere

Cronaca

Ruba un’auto ad Agerola, inseguito fino a Furore: arrestato 28enne tedesco

Pubblicato

il

Castellammare

Ruba un’auto, inseguito fino a Furore. I carabinieri arrestano un cittadino tedesco. E’ accaduto ad Agerola, dove i militari della stazione hanno arrestato per furto un 28enne di origini tedesche senza fissa dimora.

L’uomo è stato sorpreso mentre rubava un’auto parcheggiata in via Coppola e così è nato un inseguimento. La fuga è terminata nel comune di Furore dove il 28enne è stato bloccato e arrestato. L’auto è stata restituita al legittimo proprietario




Continua a leggere

Politica

Castellammare, è già bagarre per la giunta Vicinanza: 7 assessori per 10 liste

Domani l’insediamento a Palazzo Farnese del nuovo sindaco di Castellammare

Pubblicato

il

Castellammare Vicinanza

Ore 9: proclamazione del nuovo sindaco di Castellammare di Stabia. Domani si insedia Gigi Vicinanza a Palazzo Farnese. In realtà, al Comune, il primo cittadino eletto con oltre il 65% di preferenze ha già fatto capolino ieri mattina per un colloquio informale con i commissari prefettizi. Un modo per affrontare con più serenità il passaggio di consegne. 

I temi sul tavolo sono caldissimi e negli ultimi giorni Cannizzaro ha portato a termine anche l’ultimo cavallo di battaglia: il restyling del rione Savorito, per cui sono stati affidati i lavori per 20 milioni di euro per abbattimento e ricostruzione delle palazzine popolari. C’è poi da portare avanti l’adeguamento del Romeo Menti, tra gli impegni impellenti, per consentire alla Juve Stabia di iniziare a giocare il campionato di serie B a Castellammare. 

Il totonomi a Castellammare

Mentre si prepara l’insediamento, nel centrosinistra già si prepara il totonomi per la giunta. Vicinanza vuole chiuderla in fretta ma non è affatto facile. E’ un puzzle complicato da mettere insieme. Ci sono 10 liste e qualcuna di queste si è già spacchettata. E’ il caso di Futuro Democratico, che viaggia già con due anime: il gruppo Iovino e quello di Nello Cuomo. Difficile trovare un nome unitario per la giunta. Cuomo in ogni caso risponderebbe a Campania Libera, il partito regionale di De Luca che punterebbe su Mariella Verdoliva. Democratici e Progressisti valutano invece l’appoggio esterno  se la giunta non dovesse essere di alto profilo. 

Il Partito Democratico

Un rompicapo anche per il Partito Democratico in cui Roberto Elefante esce molto rafforzato dal risultato elettorale sotto gli occhi di tutti. La componente di Mario Casillo, però, spinge per un posto in giunta per Maria Amodio, reduce da un’ottima affermazione ma senza elezione. Stabia Rialzati proporrebbe anche il nome di Lorenzo Esposito. 

Vicesindaco

Sandro Ruotolo spingerebbe per Nicola Corrado vicesindaco, ma il ruolo di numero due di Palazzo Farnese potrebbe rivendicarlo anche la lista del sindaco, soprattutto se la presidenza del consiglio dovesse andare ad appannaggio del Pd. E quindi entra in gioco il nome di Andrea Di Martino, deus ex machina dell’ascesa di Gigi Vicinanza. 

Alberto Cimmino




Continua a leggere

Eventi

Serate di solidarietà per sostenere la ricerca per le malattie agli occhi

Pubblicato

il

Castellammare

Lo scorso 8 e 9 giugno, il cineteatro di San Pietro di Scafati è stato letteralmente invaso da una grande ondata di solidarietà e amore.

A volerla e ad  organizzarla è stato Maurizio De Vivo, un giovane scafatese affetto dalla sindrome di Leber, una malattia che causa la cecità.

La sua voglia di fare del bene e di aiutare la ricerca sulla sua malattia lo ha portato ad  organizzare due serate eccezionali, che hanno visto la partecipazione di centinaia di persone solidali.

La raccolta fondi è stata devoluta alla sezione UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) di Salerno, che si occupa di promuovere attività e iniziative a favore delle persone affette da cecità e ipovisione.

Al Centro diurno polifunzionale per diversamente abili “Raggio di Sole”di Scafati, sarà invece donato un bene materiale utile agli ospiti della struttura.

Questa è stata la seconda edizione dell’evento, che si è rivelato un grande successo grazie anche al contributo della compagnia teatrale “I Caponi”, che con professionalità e sensibilità, ha reso le due serate  ancora più speciali, emozionando il pubblico con lo spettacolo “Arezzo 29 in 3 minuti”, una rappresentazione di grande valore artistico.

Un plauso va anche alla presentatrice dell’evento, la giornalista  Carmen Abagnale, che con passione, professionalità e empatia  ha presentato al pubblico lo scopo dell’ evento, dando la  giusta risonanza all’iniziativa trasferendo al pubblico emozioni intense.

È stato un momento di unione e solidarietà, che ha dimostrato ancora una volta come il dono più grande sia quello di dare senza aspettarsi nulla in cambio.

Senza dubbio, il successo delle serate è stato anche possibile grazie al contributo degli sponsor e delle persone che, anonimamente, hanno collaborato per il buon esito dell’evento.

Un evento indimenticabile che ha richiesto un grande impegno di tutti  protagonisti a partire da Maurizio De Vivo, che ha dimostrato una grande sensibilità e un grande spirito di generosità.

Questo evento  di solidarietà ha lasciato una traccia indelebile nei cuori di tutti i presenti grazie anche all’ intervento del presidente dell’Uici Raffaele Rosa, che ha sottolineato l’importanza dell’informazione e della sensibilizzazione di tali argomenti spiegando anche l’operato dell’Uici Salerno che da sempre sostiene le persone affette da disabilità visiva offrendo loro anche servizi concreti e tutela dei diritti.

Presenti in sala nella seconda serata anche i ragazzi di “Raggio di Sole” accompagnati dai loro responsabili che hanno trascorso delle ore all’insegna dell’allegria e della spensieratezza.

Quando si è spinti da buoni propositi e buoni sentimenti il successo è garantito, perché chi usa il cuore non sbaglia mai.




Continua a leggere

Politica

Lovisa: “Resto alla Juve Stabia”

Pubblicato

il

Castellammare

Il Direttore Sportivo Matteo Lovisa precisa che, a seguito delle voci che si sono susseguite in questi ultimi giorni, le stesse sono infondate in quanto gli incontri erano legati a questioni di calciomercato. Il direttore sportivo precisa che è in essere un contratto con la Juve Stabia e che dopo la magnifica stagione vissuta vuole continuare il percorso intrapreso per questo grande e glorioso club, affermando sempre di più i valori di correttezza e collaborazione. Altresì è sempre più forte il legame con la piazza stabiese e i tifosi, vera spinta verso i nostri successi.




Continua a leggere

Politica

Incandidabilità e scioglimento, le motivazioni della sentenza che smonta la tesi del Viminale

Pubblicato

il

Castellammare

Un altro ricorso accolto mette in discussione lo scioglimento del consiglio comunale di Castellammare per infiltrazioni mafiose. Cancellata l’incandidabilità per Emanuele D’Apice e Fulvio Calì, un colpo di mano che rischia di far crollare la tesi del ministero dell’Interno. A smontarle sono i giudici della Corte d’Appello di Napoli, collegio presieduto dalla dottoressa Caterina Molfino.

Emanuele D’Apice era stato dichiarato incandidabile per aver ringraziato il padre in aula consiliare in occasione dell’elezione nel ruolo di presidente del consiglio comunale. Per i giudici della quinta sezione civile della Corte d’Appello di Napoli è una decisione troppo punitiviva e lo spiegano nelle motivazioni: “La condotta (pacificamente) tenuta dal D’Apice, consistita nel ringraziamento pubblico al padre, può dirsi certamente inopportuna … ma di certo non può essere da sola considerata sufficiente per affermare che con tale ringraziamento il D’Apice abbia consentito o agevolato ingerenze e pressioni delle organizzazioni criminali operanti nel territorio”.

L’ex assessore Fulvio Calì era stato dichiarato incandidabile per le irregolarità nel settore urbanistica. Ma per i giudici “la circostanza che il generale stato di abbandono del settore urbanistico non fosse imputabile al singolo assessore (e non potesse essere sufficiente a chiedere la pronuncia di incandidabilità nei confronti del Calì) la si desume anche dalla relazione prefettizia e dalla conseguente proposta di incandidabilità avanzata dal Ministero, nelle quali al Calì si contesta una circostanza più specifica, ossia l’aver avuto rapporti personali con un imprenditore edile vicino ad un’organizzazione criminale stabiese”, perché intercettati nell’ambito di un procedimento penale che non ha mai avuto riscontro in avvisi di garanzia o comunque misure di custodia cautelare. Secondo i giudici infatti “agli atti di questo processo non sono presenti le intercettazioni telefoniche tra i due, motivo per il quale non può essere eseguita alcuna valutazione in ordine alla rilevanza ed al contenuto delle stesse ai fini della dichiarazione di incandidabilità. Va, infine, considerato che non vi è alcuna prova concreta dell’asserita vicinanza” dell’imprenditore “con organizzazioni criminali, non essendo stati depositati documenti che dimostrino la presenza a suo carico di precedenti penali, di misure cautelari o procedimenti penali in corso, nè di qualsivoglia altra prova che indichi l’esistenza di rapporti con soggetti legati a clan camorristici” si legge nella sentenza.

Un altro ricorso accolto è quello di Annamaria De Simone, che in realtà attraverso i legali Ylenia Zaira Alfano e Carmine Iovino aveva presentato il ricorso principale a cui si sono accodati anche D’Apice e Calì. Ebbene, De Simone nonostante in via libera dei giudici di Torre Annunziata alla candidatura, ha fatto appello per vedersi riconosciute le spese legali, compensate invece dai giudici di primo grado. In questo caso si è vista riconoscere un risarcimento di circa 8mila euro, cifra che è stata poi riconosciuta anche a D’Apice e Calì sempre per le spese legali.

 




Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.