Seguici sui Social

Ultime Notizie

Castellammare. Ragazzine ubriache e rissa finita nel sangue in Villa Comunale


Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Migliaia di persone hanno raggiunto quest’oggi le strade del centro cittadino per brindare al nuovo anno. Si sono registrati però alcuni episodi spiacevoli, nel pomeriggio i medici del pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo sono giunti più di una volta nei pressi della villa comunale per soccorrere alcuni ragazzi che hanno accusato dei malori, molto probabilmente a causa dell’eccessivo uso di bevande alcoliche. Tanto spavento invece verso le 16 quando ad avere problemi è stata una ragazzina. Tanta apprensione per la giovane molte persone presenti in villa che l’hanno accerchiata ed hanno cercato di offrire il proprio aiuto in attesa dell’arrivo dei medici.  La ragazzina, con molta probabilità minore, è stata trasportata all’ospedale San Leonardo dal 118. E’ stata disattesa l’ordinanza prevista dal sindaco che vietava la musica in strada e la somministrazione di bevande alcoliche. L’amministrazione comunale ha preferito emanare, nonostante la tradizione, il divieto ai brindisi anzichè regolamentare la festa. Nel tardo pomeriggio invece due automobilisti sono stati accoltellati. Protagonisti dell’accesa rissa finita nel sangue due uomini che hanno provato a sedare una rissa ed hanno avuto la peggio. I due tentando di divedere i contendenti più esagitati ma rimediano due coltellate all’addome e al braccio. Presto la corsa in ospedale ove il pronto soccorso è invaso di poliziotti e carabinieri avvertiti dalla folla festante in Villa Comunale. CLICCA MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Leggi Castellammare. Ragazzine ubriache e rissa finita nel sangue in Villa Comunale su OnlineMagazine.it.


Continua a leggere

Politica

Il sindaco vieta i fucaracchi illegali nei rioni: stop anche alla vendita di alcolici

Pubblicato

il

Falò-Anti-Pentiti

Fucaracchi nei rioni vietati e stop alla vendita di alcolici. Arriva la stretta del sindaco Gaetano Cimmino, tra l’altro annunciata. Oggi il primo cittadino ha firmato l’ordinanza con la quale sancisce il «divieto di apprensione, smaltimento ed accumulo di materiale ligneo non effettuati da parte di soggetti autorizzati e nelle forme di legge» e «il divieto di bruciare foglie, sterpi, e qualsiasi altro materiale, in tutto il centro abitato; fuori dal centro abitato ciò è consentito solamente nell’esercizio di attività strettamente agricole e nel rispetto della normativa specificamente vigente».

Inoltre il sindaco ha vietato «dalle ore 18,00 del giorno 07/12/2021 e sino alle ore 05,00 del giorno 08/12/2021, da parte di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande quali ristoranti, rosticcerie, bar, pub, circoli, operatori su tutto il territorio comunale, la cessione o vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione e di qualsiasi altra bevanda, in contenitori di vetro, che avvenga con il loro asporto dai suddetti locali (prevedendo in sostituzione la vendita e/o la somministrazione in contenitori di altro materiale ammesso dalla vigente normativa igienico/sanitaria)». Questo divieto comprende anche i superalcoolici.

La somministrazione di alcolici e di altre bevande, in contenitori di vetro o lattine, è consentita solamente se il consumo nei sopra citati contenitori avvenga all’interno dei locali. Quindi il divieto riguarda «la detenzione, da parte di chiunque, di qualsiasi genere di contenitore di vetro o lattine». Sono previste multe fino a 500 euro.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica