Seguici sui Social

Politica

Castellammare. Maglia anti-Salvini, Carrillo spiega il perché: “Ce l’ho con chi ora sale sul Carroccio del vincitore”


Pubblicato

il

carrillo-mai-razzisti

“Ecco perché ho indossato la maglietta anti-Salvini”. E’ Carlo Carrillo, ex coordinatore del Pdl stabiese, forzista della prima ora, a spiegare i motivi della manifestazione alla Stazione Marittima di Napoli. In occasione di una convention azzurra, il sindaco è stato immortalato proprio insieme a Carrillo che indossava quella maglia. Apriti cielo. I leghisti stabiesi si sono rivoltati, se non altro perché Cimmino governa anche grazie e con la Lega. Il sindaco si è scusato con i sostenitori del Carroccio, ora Carrillo prova a fare chiarezza e spiega il perché di quella maglietta: “Mai mi sarei aspettato che si scatenasse una tempesta, di tali proporzioni, in un modesto bicchiere di acqua. Io sono un forzista della prima ora e la maglietta che indossavo alla convention di Forza Italia, alla manifestazione di sabato 18 maggi, faceva il paio con il cappellino che indosso da circa otto mesi e che, guarda caso, è il cappellino della Nave Diciotti protagonista, suo malgrado, di un gravissimo incidente istituzionale accaduto circa nove mesi orsono nel porto di Catania. Quella T-shirt la distribuivano fuori la stazione Marittima di Napoli e, ad onor del vero, appena l’ho vista me ne sono innamorato subito in quanto mi ha riportato alla mente quanto sta accadendo proprio nella Lega a Castellammare”. Carrillo e anche il resto della maggioranza riconoscono la Lega che ha vinto le elezioni insieme a Cimmino, ma non quelli che ora stanno entrando dalla porta di servizio: “ Ecco il motivo che mi ha spinto subito a lasciarmi fotografare, fuori dalla stazione Marittima nel Porto di Napoli, con quella maglietta esposta in bella vista proprio ad evidenziarne il contenuto. Infatti a Castellammare, è vero che siamo alleati con la Lega, ma è pur vero che è una Lega diversa da quella che, oggi, si sta strutturando. Un anno fa era una lista costruita all’occorrenza con pochi e convinti sostenitori, tra cui Tito e Morlino, che riuscirono a raccogliere circa 619 voti (il 1,9% della coalizione) e, solo grazie alla vittoria del centrodestra, ad eleggere un consigliere comunale con i resti. E’ vero che lo stesso Tito fu nominato coordinatore, ma è altrettanto vero che pur essendo il capolista della Lega non riuscì ad essere eletto nonostante le 94 preferenze incassate, considerato che il candidato Morlino ne conseguì circa 175. Premesso ciò, e dopo la vittoria del centrodestra alle ultime comunali, è da registrare che nella nostra città sono da tempo iniziate le grandi manovre per tentare la conquista di posizioni di prestigio nel partito di Alberto da Giussano e, guarda caso, tra i grandi manovratori spicca il nome di personaggi che all’occorrenza non disdegnano di cambiare né divisa nè bandiera pur di sedere sempre sul carroccio (in questo caso) del vincitore. Carlo Longobardi, Alfonso Schettino, Antonio Alfano, Tina Donnarumma, questi sono solo alcuni dei nomi dei personaggi che hanno chiesto, ed ottenuto, di entrare nella Lega stabiese, personaggi che alle scorse elezioni erano avversari politici della stessa Lega, nonché della stessa coalizione che ha sostenuto la candidatura di Cimmino a sindaco della città. Anche perché non sarebbe bello, e nemmeno giusto, che gli elettori stabiesi che hanno riposto la loro fiducia nel centrodestra stabiese possano ritrovarsi a veder rientrare dalla finestra tutto ciò che è stato cacciato fuori dalla porta. Quella maglietta, per quanto mi riguarda, significa che questa Lega(così come si sta strutturando) non metterà mai le mani sulla mia città, questi sono quelli che le mani in pasta le tenevano quando ha governato il centrosinistra che tanti guai ci ha lasciato, questi sono quelli che hanno determinato il decadimento, con il relativo fallimento, di Terme di Stabia e tutti i disastri economici che, a partire da quello di Ego Eco per finire a quello relativo ai numerosi contenziosi milionari accesi, ci siamo ritrovati a gravare sul groppone dei cittadini stabiesi. Queste sono le ragioni che mi hanno spinto ad indossare, con convinzione, prima il cappellino e poi la stessa maglietta, anche perché giova ricordare ai giovani, ed inesperti, alleati stabiesi(vedasi Morlino) che siamo in campagna elettorale per le Europee e che siamo comunque avversari in questa competizione, anche perché oggi, a livello nazionale, la Lega governa con i “nemici” pentastellati, diventati poi amici al tavolo della baldoria a 5stelle, o sbaglio?”. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK


Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Stabia Street Art al via nel centro antico: 14 artisti per riqualificare il quartiere degradato

Pubblicato

il


Dal 27 settembre al 1 ottobre la Città di Castellammare di Stabia ospiterà il primo evento di Stabiae Street, promosso dallamministrazione comunale guidata dal sindaco Gaetano Cimmino su impulso dellex assessore al Turismo Noemi Verdoliva, ideato e diretto dallartista e film-maker italiano Nello Petrucci e con lapporto tecnico della curatrice la dottoressa Chiara Canali.

Lobiettivo dellamministrazione è avviare un processo di riqualificazione del territorio di Stabia, iniziando dai luoghi di maggior degrado architettonico e sociale, quale il quartiere del centro storico, attraverso lo strumento dellArte quale fonte di arricchimento culturale e di educazione alla bellezza. Il progetto mira a raggiungere, nel medio termine, il maggior numero possibile di muri, volte e spazi del centro storico così da realizzare, per i cittadini ed i turisti, una passeggiata tra larte contemporanea murale. 

Larte – ha detto il sindaco Gaetano Cimmino –  sarà utilizzata come strumento di cambiamento per dare impulso ad un processo virtuoso che genera integrazione sociale, riqualificazione architettonica, contaminazione artistica, e per attivare il dinamismo culturale e le strategie di crescita socio-economica e turistica. Stabiae Street inizia nel Centro Storico con la volontà di avviare il riscatto di una parte fondamentale della nostra città”.

Protagonisti di Stabiae Street saranno 14 artisti di fama mondiale, provenienti da diverse parti del mondo tra cui Ledania dalla Colombia, Mto e Daco dalla Francia, Guido Palmadessa dallArgentina, Cosmos e Feo Flip dalle Isole delle Canarie, Kymo One dal Belgio, Linas Kaziulionis dalla Lituania, Anne CAz.L dalla Germania, Rata Virus dal Cile e gli artisti italiani Nemo, Nino Come, La 180 e Luispak. Gli artisti sono stati invitati a realizzare opere site specific, legate allidentità della Città di Castellammare di Stabia, che dialogano ed intrecciano relazioni con gli spazi circostanti affrontando tematiche socio culturali contemporanee.

Lidea di Petrucci è diffondere la street art in diverse aree sub-urbane del territorio e Stabia sarà il luogo centrale di questa visione progettuale, per lui la diffusione dellarte, a tutti i livelli, è un obiettivo prioritario. La street art – afferma Petrucci- mira a creare quella scintilla allinterno della comunità che avvia al cambiamento. Credo che la street art sia un mezzo di educazione civica, culturale ed ambientale, che sia capace di modificare positivamente la percezione e la fruizione di spazi pubblici, aiutando la comunità a vederli con una nuova prospettiva.

Con Stabiae Street, il centro storico diverrà un luogo di forme e colori, di opere artistiche contemporanee che le persone vivono direttamente sui muri della propria città e contribuiscono a realizzare, prendendosi cura del lavoro che gli artisti stessi hanno lasciato al territorio. Stabiae Street è promosso dal Comune di Castellammare di Stabia, con il patrocinio morale della Regione Campania, è organizzato dallimpresa sociale Art and Change e con il supporto di numerosi sponsor e partner, tra cui Contemply Art Investment, Europa Stabia Hotel e Joggo.

Continua a leggere

Trending