Seguici sui Social

Cronaca

“Hanno arrestato la dottoressa”. Fake news sui social, il primario: “Ho denunciato tutto”

Pubblicato

in



di Stabia. “Mi rivolgerò all’autorità giudiziaria”. A dirlo è Eutalia Esposito, medico, consigliere comunale e primario del reparto di ginecologia dell’ospedale San Leonardo di . La dottoressa è finita al centro delle polemiche perchè nel suo reparto una partoriente è risultata positiva al dopo aver partorito sua figlia.  Secondo l’accusa lanciata dal personale sanitario il medico non avrebbe portato all’attenzione dell’ equipe quella circostanza e non avrebbe rispettato i protocolli del caso. Questa volta però la dottoressa è finita al centro di una vera e propria . Si tratta di un audio circolato su WhatsApp dove si dice che il medico sarebbe stato arrestato. Si tratta di una voce femminile stabotte hanno arrestato dalla dottoressa che è positiva al virus Una circostanza non veritiera tanto che è stata la stessa dottoressa a scrivere sui social smentendo il fatto. “Mi rivolgerò all’Autorità giudiziaria perché individui il responsabile doppiamente colpevole perché delegittima chi in questi giorni difficili opera per salvare vite umane. Non lo faccio per me, ma per la mia equipe e per la mia città che non merita questo fango”. A distanza di un giorno c’è la seconda “vittima” delle fake news. Ieri era toccato al panificio Eva, noto negozio del centro cittadino. Sempre in un audio si diceva che il panificio aveva chiuso per Coronavirus. Ed i titolari si videro costretti a smentire, anche in quel caso sui social, con un post social.  CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
Leggi anche:
Mamma positiva al Coronavirus partorisce al San Leonardo, a rischio quarantena l’intero reparto;
Coronavirus. Parto al San Leonardo, scoppia la polemica. La primaria parla e si difende: “Sciacallaggio mediatico”
Coronavirus e Fake News in città, colpito anche il Panificio Eva: “Agiremo per vie legali, falso l’audio sui social”
©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Covid, nell’ultima settimana a Castellammare 138 nuovi positivi e 16 guariti. I DATI

Pubblicato

in

. Sono 138 i nuovi positivi registrati nell’ultima settimana. Il dato emerge dalle comunicazioni dell’Asl diffuse dal primo cittadino Gaetano Cimmino. Negli ultimi sette giorni i guariti invece sono stati 16. In linea con la media regionale la città delle acque ha registrato un elevato numero di contagi. Solo nella giornata di ieri 75. Il 17 ottobre erano 122 le persone risultate positive sul territorio cittadino, nella giornata di ieri il bilancio è salito a 236 (il dato comprende anche i guariti ndr).  Il Sindaco Gaetano Cimmino ha parlato di  «situazione del contagio da Covid-19 in città  molto grave» invitando tutti a rispettare scrupolosamente le norme anticontagio.

Dall’altra parte mentre il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, invoca più restrizioni c’è il Governo che lavora ad un altro dpcm che sarà firmato domani. Nella forma non sarà un lockdown come quello che gli italiani hanno conosciuto a marzo ma l’Italia si appresta a nuove e rigide restrizioni. L’appello di numerosi esperti, e i dati preoccupanti dell’ultima settimana, con i contagi che sfiorano i 20 mila casi, hanno costretto nelle ultime ore il premier Giuseppe Conte ad impostare un nuovo Dpcm. Ma prima del varo ufficiale, che probabilmente arriverà domani, il presidente del Consiglio questo pomeriggio ha presentato la bozza ai capigruppo di maggioranza. Bozza che prevede nuove chiusure. Sospesi i concorsi pubblici e privati, ad esclusione delle selezioni per il personale sanitario e della protezione civile. Sospesi pure convegni, congressi, mentre le cerimonie pubbliche potranno tenersi purché saranno rispettate le misure di distanziamento e senza la presenza di pubblico. Le riunioni pubbliche dovranno comunque tenersi se possibile a distanza, raccomandazione anche per lo svolgimento, sempre a distanza, delle riunioni private. Nel nuovo Dpcm verrà regolamentata la fruizione del servizio sanitario, con il divieto degli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale d’attesa dei pronto soccorso. Divieto simile per parenti e visitatori delle rsa e delle strutture riabilitative.

Continua a leggere

Trending