Seguici sui Social

Eventi

Al via le “Olimpiadi” di Stabia. Questa sera la cerimonia di apertura dei giochi

Pubblicato

in

Stabia2020


. E’ arrivato il momento anche per le Olimpiadi di di Stabia. Si terrà questa sera la cerimonia inaugurale dei giochi nati da una pagina Facebook creata nel 2012. Dopo il passo indietro di Tokyo, i Giochi Olimpici tanto sognati dalla Città delle Acque si faranno davvero – scrivono su Facebook i gestori della pagina social –  Un’occasione unica per onorare il debito con la bocca fatto nel 2012 dalla pagina Stabia 2020 – Giochi Olimpici.
Lo rende noto il Comitato Olimpico di Castellammare, spiegando che non si tratta di Pesce d’Aprile, che i Giochi avranno luogo nei prossimi giorni e saranno quasi del tutto improvvisati e adattati all’isolamento casalingo di questi giorni difficili.
I partecipanti saranno tutti i cittadini (stabiesi e non, di ogni sesso, età e Q.I.) che vorranno cimentarsi nelle seguenti discipline appena copiate o inventate dagli organizzatori:
– PALLEGGI CON CARTA IGIENICA: Grande classico, non c’è bisogno di spiegazioni. Abbiate solo l’accortezza di fare un’inquadratura che ci permetta di contare i palleggi.
– ATLETICA LEGGERA. CHI MANGIA 150g DI SPAGHETTI PIU’ VELOCEMENTE: Il tempo inizierà a scorrere a partire dalla prima forchettata e la scarpetta è esclusa dal conteggio. È un gioco, quindi non imbrogliate sulla quantità, ci fidiamo. Siete liberi di scegliere la ricetta.
RACCHETTONI: Chi fa più palleggi contro il muro senza toccare la palla con le mani. Vale la stessa accortezza dell’inquadratura richiesta per i palleggi, fate in modo che riusciamo a contarli.
– RACCHETTONI IN COPPIA: Come sopra però al posto del muro c’è un altro essere umano.
– TUFFI SU LETTO O DIVANO: Tuffatevi urlando qualcosa di stabiese e cercando possibilmente di non farvi male. Il vincitore con il miglior stile verrà decretato tramite sondaggio sulla pagina.
– SOLITARIO CON CARTE NAPOLETANE: Forse impegnativo da riprendere con il cellulare, ma dal buon potenziale spettacolare. Esperimento. Facciamo riferimento al solitario classico, per intenderci quello di questo video https://www.youtube.com/watch?v=mda-uPYwWm8
Anche qui, cercate di non imbrogliare, forse è anche più divertente se il solitario non esce
– BOTTIGLIA IN EQUILIBRIO: Classica challenge di Instagram. Dovete cercare di far cadere una bottiglia di plastica in piedi dopo averle fatto fare una capriola completa. Importante: se la bottiglia cade in piedi dovete urlare qualcosa di stabiese in segno di esultanza. A scegliere il vincitore sarà il popolo con un apposito sondaggio.
– MELA SBUCCIATA: L’abilità consiste nello sbucciare una mela senza rompere la buccia. La buccia integra più lunga vincerà la medaglia d’oro.
– BIATHLON: Flessioni + formazione della Juve Stabia a memoria. Ogni piegamento corrisponde al nome di un giocatore. Per chi va oltre valgono poi anche panchine e dirigenza. In caso di parità varrà il tempo o un sondaggio all’ultimo sangue.
– PIZZA IN CASA: Contest culinario per riprendere fiato. Il popolo con un sondaggio deciderà quale delle vostre pizze amatoriali avrà l’aspetto più erotico.
– FRATIELL E SURELL: Gran finale. Svegliate un vostro congiunto che dorme urlando Fratiell e Surell e mandateci il video (dopo avergli chiesto il permesso). Il popolo deciderà quali saranno i tre più divertenti che vinceranno la medaglia.
Potete partecipare anche a più di una competizione. In caso di controversia deciderà il tribunale del popolo.
COME PARTECIPARE:
Basta pubblicare un video su Instagram o Facebook taggando la nostra pagina (vanno bene anche stories o messaggi privati) in cui vi cimentate in una delle discipline.
Potete iniziare fin da subito così avremo il tempo di mettere insieme il materiale e man mano vi daremo delle scadenze.
Ogni giorno (più o meno) aggiungeremo la nostra telecronaca e decreteremo il podio.
Il regolamento si aggiusterà in corsa man mano sullo stile delle autocertificazioni con cui ci fa andare in giro il Ministero degli Interni”. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere
Pubblicità

Eventi

“Mai per sempre”, il film di un figlio di Stabia. “Prima” allo Stabia Hall per la pellicola di Fabio Massa

Pubblicato

in

Un film made in Stabia presente nelle sale di tutta Italia. “Mai per sempre”, di e con Fabio Massa, è atteso dalla “prima” allo Stabia Hall. Appuntamento domani sera, quando saranno presenti anche gli attori, voluto fortemente dall’attore e regista stabiese che si sta facendo strada nel panorama del cinema italiano.
“Mai per sempre” è un film completamente partenopeo, gli attori scelti hanno dato al cinema italiano prestigio con le loro splendide interpretazioni nel corso degli anni. Cristina Donadio (“Scianel” in Gomorra) ha interpretato mia madre anche nel mio precedente film, “Aeffetto domino”, film sempre diretto da Massa. In questo nuovo progetto, il suo personaggio ha un’intimità più oscura e profonda, un po’ come tutti coloro che portano con sé un mondo da scoprire. La sceneggiatura è stata scritta a quattro mani con Demetrio Salvi e la collaborazione di Diego Olivares. È iniziato tutto dall’ultima scena: l’idea era di partire da un confronto molto forte tra i due amici, Luca e Antonio. “Mi interessava indagare su tutte le sfaccettature del tradimento e dell’abbandono – spiega Fabio Massa – Da lì è nata una storia che prende le distanze dai luoghi comuni e cerca di approfondire i lati oscuri di ognuno di noi. Non era nostra intenzione parlare di camorra, infatti non lo abbiamo fatto, ma non abbiamo potuto evitare di toccare alcuni argomenti come la corruzione, come si evince dal ruolo dell’avvocato Saverio”.
“Mai per sempre” è una storia di stampo quasi shakespeariano. In una delle scene troviamo anche Manila Aiello, moglie del regista, che porta in grembo il piccolo Christian, alla sua prima prova “celata” cinematografica”.
“Mai per sempre” è una storia di amicizia, di amore, di eterna lotta tra il bene e il male. Luca è un ragazzo napoletano di famiglia benestante che vuole essere felice, costruirsi una famiglia e avere un lavoro onesto. Per realizzare i suoi sogni, preferisce andare via dalla sua città, apre un’officina meccanica con il suo miglior amico Antonio e si innamora di Maria, una ragazza ucraina con la quale decide di crearsi una famiglia. Ma quando tutto sembra essere perfetto, Maria dovrà fare i conti con il passato: Livio torna in paese diventando l’ostacolo della sua felicità. Ma Maria non sarà la sola a vivere una violenza, perché anche Silvana, la madre di Luca, vive un dramma. Grazie a Saverio, infatti, l’avvocato che in passato le è stato
vicino, Silvana si è potuta allontanare dal suo ex marito che ha abusato di lei. Tutto ciò, piano piano, si trasformerà in un rimorso, perché “Non doveva andare così…“
“E’ un film grazie al quale ho avuto modo di indagare sui coni d’ombra e di luce nella vita possibile di ognuno di noi! Un film duro, forte, a tratti struggente così come è stato definito dalla critica – commenta il regista stabiese – Ho avuto la fortuna di dirigere attori che hanno dato al cinema italiano prestigio con le loro splendide interpretazioni nel corso degli anni. Cristina Donadio (“Scianel” in Gomorra) ha interpretato mia madre anche nel mio precedente film, “Aeffetto domino”. In questo nuovo progetto, il suo personaggio ha un’intimità più oscura e profonda, un po’ come tutti coloro che portano con sé un mondo da scoprire. Un film che ha portato a casa circa 30 premi internazionali e che esce nelle sale dopo aver superato il lock down. Il film doveva uscire il 16 aprile, si trova finalmente a vivere il buio della sala! La prima nella mia città non poteva mancare… ho sempre portato in ogni dove con i miei lavori! Questa volta lo faccio dedicando alla città la prima nazionale con il cast in sala! Tra gli altri mi piace sottolineare la presenza di un’altra meravigliosa attrice made in Stabia nel cast, Benedetta Valanzano, che ha ricoperto un ruolo da coprotagonista in modo eccellente! L’appuntamento è da giovedì 24 allo Stabia hall, per la prima sera vi faremo compagnia in sala”.

Continua a leggere

Trending