Seguici sui Social

Cronaca

Buoni spesa a Castellammare, la guardia di finanza acquisisce le graduatorie dei beneficiari

Pubblicato

il

buoni spesa a castellammare

Castellammare di Stabia. Indagine della Guardia di Finanza sui buoni spesa erogati dal Comune di Castellammare di Stabia per l’emergenza Coronavirus. Sono oltre mille i nuclei familiari che hanno beneficato dell’assegno di circa 300 euro dato dal Comune che ha ricevuto i fondi stanziati dal Governo centrale. L’inchiesta è volta a fare chiarezza  sia sulla procedura stabilita dal comune ma soprattutto sui beneficiari dei buoni.

I militari delle della guardia di finanza hanno acquisito l’elenco dei nuclei familiari che hanno incassato l’assegno cercando di comprendere chi ha reale necessità e chi invece, pur non avendone diritto, avrebbe fatto false attestazioni e incassato l’assegno. Già gli stessi uffici comunali avevano eseguito controlli in fase di accettazione della domanda con decine di moduli scartati perchè contenevano false attestazioni riscontrate dai controlli fatti dall’Ente Comunale. Stessa indagine è in corso anche a Gragnano dove i militari sono al lavoro per fare chiarezza su alcune domande e procedure non sarebbero del tutto trasparenti.

 


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com