Seguici sui Social

Politica

Arriva il semiconvitto per minori a rischio. Nastelli: “Accolta la mia proposta”

Pubblicato

in



Ecco il semiconvitto per minori a rischio. Ad annunciarlo è il consigliere di opposizione Giovanni Nastelli: “Ringrazio il consiglio comunale per aver supportato la mia proposta, attraverso la variazione di bilancio, per l’istituzione del semiconvitto in città. Il semiconvitto, tecnicamente definito centro sociale polifunzionale, è un servizio articolato in spazi multivalenti, che si colloca nella rete dei servizi sociali territoriali.
Offre possibilità di aggregazione finalizzata alla prevenzione di situazioni di disagio attraverso proposte di socializzazione tra minori e di identificazione con figure adulte significative attraverso l’accoglienza fin dalle prime ore del mattino, colazione, servizi scolastici, pranza, doposcuola e nel tardo pomeriggio riaccompaganmento presso le loro abitazioni. Il centro svolge le proprie attività per un minimo di 4 e fino a 10 ore giornaliere. Il Centro diurno polifunzionale è caratterizzato da una pluralità di attività ed interventi che prevedono lo svolgimento di funzioni quali l’ascolto, il sostegno alla crescita, l’accompagnamento, l’orientamento. Il Centro pianifica le attività in base alle esigenze e agli interessi dei minori a rischio, valorizzandone il protagonismo. Il Centro può organizzare, a titolo esemplificativo, attività sportive, ricreative, culturali, di supporto alla scuola, momenti di informazione, vacanze invernali ed estive, somministrazione pasti, in relazione agli orari di apertura. Esprimo riconoscenza infine all’assessore e al dirigente di settore per la loro condivisione”.

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Rimpasto di giunta, gli “infedeli” rischiano di restare senza assessori

Pubblicato

in

Prima l’analisi del voto, poi la verifica di chi ha veramente sostenuto il centrodestra alle regionali e poi il rimpasto di giunta. Questa è la road map che si sta tracciando in queste ore. Il sindaco Gaetano Cimmino e i suoi fedelissimi vogliono vederci chiaro in questa storia. I conti non tornano. Malgrado il centrodestra abbia registrato una delle migliori performance della provincia (ma non era impresa così difficile), ora è caccia ai consiglieri infedeli che hanno deciso di appoggiare candidati di De Luca. “Bisogna capire chi sta veramente con noi” è il leit motive di queste ore a Palazzo Farnese. Nelle mattinate successive al voto, il primo cittadino ha ricevuto la visita di diversi esponenti di maggioranza. Una sorta di analisi del voto che approderà a una riunione con le segreterie dei partiti, così da tracciare la strada per arrivare al rimpasto. La prossima settimana potrebbe esserci il vertice decisivo per stabilire i criteri per trasformare la giunta tecnica in giunta politica. E in questo scenario i “traditori” rischiano l’isolamento politico.
di Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending