Seguici sui Social

Politica

La sinistra piange un’altra scomparsa: addio allo storico compagno Ciro D’Auria

Pubblicato

il

PUBBLICITA


La sinistra stabiese piange un’altra scomparsa: se ne va Ciro D’Auria, storico militante del Pci e del Pd. Da sempre tessera numero uno del partito di Corso Vittorio Emanuele.
Commosso il ricordo del Partito Democratico: “Dopo Peppe Bruno ci lascia anche Ciro D’Auria , un compagno di quelli che hanno fatto la storia della sinistra stabiese. Una lunga militanza iniziata tra le fila del PCI fino a giungere al Pd. Lo ricorderemo sempre con affetto. Ciro con il suo modo di fare e il suo spirito critico è sempre stato da pungolo per tanti di noi. Un compagno che non si è mai risparmiato, sempre al servizio del partito, sia nei momenti di lotta a difesa dei lavoratori sia nella militanza e nell’organizzazione del partito. Conserveremo lo splendido ricordo di una delle ultime feste dell’Unità e il suo darsi senza mai tirarsi indietro nell’organizzazione e il perfetto svolgimento dell’evento. Ciao Ciro, chi ha compagni non muore mai”.

Poi il ricordo di Tonino Scala: “Meno di un anno fa eravamo insieme a festeggiare i tuoi 80 anni. Una serata felice trascorsa tra i tuoi affetti più cari, intonando le canzoni della tua vita, della nostra vita.
Sei stato la guida politica di tanti, il nonno buono e capatosta. Un pezzo di storia, un punto di riferimento. Mi mancherai. Mi mancheranno le tue telefonate quando preparavi le graffette che a me piacevano tanto. Mancherà la grinta che ti ha accompagnato in tutta la tua vita. La stessa grinta con la quale – spesso arrancando – ti vedevo salire le scale della sede del partito e ogni volta pensavo: “Che grande esempio, Cirù!”. Eri il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via.
E ora che sei davvero andato via, ti voglio immaginare lassù ad impastare panzarotti e graffette, a far valere le tue idee, a condurre le tue battaglie, a sbattere le tue mani grandi e forti”.

Daniele Di Martino


Politica

Terme, spunta un altro gruppo pronto a rilevare lo stabilimento. Di Martino (IV): subito un consiglio comunale

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Spuntano gli imprenditori anche per Terme di Stabia. La notizia è arrivata nel corso dell’audizione del commissario liquidatore di Sint, Vincenzo Sica. Il progetto prevede una rsa per anziani e un centro di cardiologia collegato al San Raffaele di Milano.

Andrea Di Martino di Italia Viva conferma: “Ieri il commissario liquidatore della Sint Sica, in audizione in commissione speciale Terme, ha annunciato l’esistenza di un gruppo privato, intenzionato ad investire sulle Nuove Terme. Il progetto è quello di una RSA per anziani ed un centro cardiovascolare all’avanguardia, collegato con il San Raffaele di Milano. Intenzione degli imprenditori sembra sia quella di reimpiegare i lavoratori della società fallita Terme di Stabia.
Se le notizie sono fondate sembrerebbe un buon segnale. Pare però che da 20 giorni l’offerta è sul tavolo del Sindaco e attende riscontro. Ora non so quanto sia solida l’offerta, ma penso che sia urgente convocare il Consiglio e avviare un percorso di valutazione dello stato di liquidazione e dei possibili sviluppi. Non vorrei che il tentativo goffo di ingraziarsi i lavoratori, facendo loro prospettare una fantomatica assunzione al Comune, sia l’ennesima occasione persa per la città, sacrificata sull’altare dei microinteressi di alcuni. Consiglio comunale subito e discussione alla luce del sole sul futuro dei beni del Solaro. Non c’è più tempo da perdere”.

Continua a leggere

Trending