Seguici sui Social

Cronaca

Covid, in Campania 1313 nuovi positivi. De Luca: Superiori in classe al 50%

Pubblicato

il


Sono 1.313 (123 identificati da test antigenici rapidi) i nuovi casi di Covid 19 in Campania, di cui 1.103 asintomatici e 87 sintomatici su 16.112 tamponi (1.904 antigenici). Il dato è stato diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania e porta il totale dei positivi a 218.243 (1.062 antigenici) su un totale tamponi pari a 2.383.402 (19.078 antigenici). Sono poi 35 i deceduti, 12 nelle ultime 48 ore e 23 in precedenza ma registrati ieri, per un totale di 3.704 dall’inizio della pandemia. I guariti sono 684, e portano il totale a 150.950. Dei 656 posti letto di terapia intensiva, ne sono occupati 98; dei 3.160 posti letto di degenza, compresi quelli provati, ne sono occupati 1.474.

Situazione sempre in miglioramento per quanto riguarda la Campania ma resta da sciogliere il nodo scuole superiori che riprenderanno lunedì. Sono circa 600mila gli studenti che rientreranno in classe dopo mesi di stop alla didattica in presenza e in vista di questo appuntamento il governatore Vincenzo De Luca raccomanda ai dirigenti scolastici di non superare nelle classi il 50 per cento degli alunni. Si tratta della soglia minima prevista dalle norme nazionali, che potrebbe arrivare fino al 75% ma che qui, a giudizio dell’Unità di crisi, è bene non superare. E’ lo stesso De Luca a spiegarne i motivi. “Nell’odierna riunione con l’Unità di Crisi regionale è stato rappresentato che, in concomitanza con la ripresa in presenza delle attività didattiche della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado sono stati rilevati, nella settimana scorsa ed in quella in corso, plurimi casi di contagi in ambito scolastico, anche riferiti ad intere classi, nonché diffuse situazioni di assembramento nei pressi degli istituti scolastici, pericolosi per il rischio di contagi connesso al mancato rispetto della distanza interpersonale di sicurezza”; il tutto mentre si assiste a “un trend in aumento del numero dei contagi e dei ricoveri di degenza Covid-19”. Dunque il ritorno in classe delle superiori potrebbe peggiorare ulteriormente il quadro, in assenza di controlli e misure preventive. De Luca invoca “misure massimamente prudenziali nella organizzazione delle attività scolastiche, per scongiurare rischi connessi ad assembramenti, in aula e nei contesti di prossimità delle scuole”.

LEGGI  Castellammare, al via la vaccinazione a domicilio. Nonna Giuseppina: "Bisogna farlo"

Cronaca

Rocambolesco inseguimento da Torre Annunziata a Castellammare, due giovani fermati da polizia e carabinieri a via Rajola 

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Si è concluso a via Rajola un rocambolesco inseguimento iniziato da Torre Annunziata. Militari dell’arma e polizia di Stato. Ad essere fermati due giovani  a bordo di una Fiat che sono stati inseguiti dalla città oplontina per motivi ancora da accertare. I due hanno percorso tutta via Napoli e dopo essere arrivati a Piazza Spartaco hanno imboccato via Rajola contromano. Bloccati dalla polizia che è arrivata da Viale Libero d’Orsi. Sul posto anche un’auto della vigilanza privata Hermes e una pattuglia della polizia locale. Probabile che l’inseguimento sia nato dopo una rapina avvenuta a Torre Annunziata. Per ora la circolazione veicolata è bloccata. Uno dei due è rimasto ferito durante una colluttazione con le forze dell’ordine intervenute per bloccare i fuggitivi, si attende l’intervento del personale sanitario.

Continua a leggere